Milan, sfuma il ritorno di Aubameyang: il PSG lo copre d’oro

Milan, sfuma il ritorno di Aubameyang: il PSG lo copre d’oro

Sembra essere in dirittura d’arrivo la trattativa tra il PSG e il Borussia Dortmund per Aubameyang. Bruciato il Milan

Pierre-Emerick Aubameyang è pronto a lasciare Dortmund: la richiesta di cessione di qualche giorno fa, ha scatenato l’interesse del PSG. I francesi avrebbero offerto 70 milioni di euro al club e 10 milioni netti a stagione al giocatore. La tipica ‘proposta che non si può rifiutare‘ e il Borussia, che da anni si autofinanzia e non ha grosse disponibilità economiche, accetterà al volo.

Nulla da fare dunque per il Milan, che aveva provato a riportare Pierre a casa. Il fenomeno classe 1989, infatti, ha vissuto una stagione nel settore giovanile rossonero (2007-2008), ma nessuno a Milanello ha creduto in lui: per lui vari giri per la Francia prima di essere venduto al Saint Etienne per una cifra, tra prestito oneroso e riscatto, intorno agli 8 milioni di euro. Una cifra irrisoria se si pensa al valore di mercato acquisito adesso dal gabonese.

Fassone e Mirabelli avevano cercato di convincere il Borussia Dortmund con una cifra tra i 50 e i 60 milioni di euro, ma l’offerta del PSG ha cambiato le carte in tavola. Adesso la dirigenza rossonera non può più nulla contro la proposta degli sceicchi e soprattutto contro il contratto faraonico offerto al giocatore. Il Dortmund, dopo l’infortunio di Reus, avevano pensato di tenere il bomber (per lui quest’anno 31 gol in 32 presenze in campionato), ma con i 70 milioni riuscirebbe a sostituire entrambi i giocatori.

In queste ore sono arrivate le smentite ‘di circostanza’ da parte del ds delle ‘vespe’ Michael Zorc. Il tedesco, che fu bandiera del Borussia dal 1981 al 1998, ha dichiarato a Sky Deutschland “Al momento non è arrivata nessun’offerta per Aubameyang”. Ma la realtà è che la trattativa è in fase avanzata e che il Milan dunque deve cercare altrove il suo cannoniere per la prossima stagione.


Pillola di Fanta

Ma perché il Milan non ha creduto in lui? Arrivato nel 2007 Aubameyang fece parte della squadra primavera che partecipò alla prima edizione della Champions Youth Cup. Già lì si vedeva che era un predestinato: finì la competizione da capocannoniere con 7 gol in 6 presenze. Curiosità, nel 4-4-2 di Filippo Galli faceva coppia in attacco con Alberto Paloschi. Venderlo non è stata una buona scelta. ABBAGLIO