Roma, Perotti si pente: “Scusatemi genoani, non dovevo esultare così”

Roma, Perotti si pente: “Scusatemi genoani, non dovevo esultare così”

Diego Perotti ha deciso l’ultima di campionato della Roma contro il Genoa e ha esultato togliendosi la maglia. Oggi ha voluto chiedere scusa ai suoi ex tifosi

La Serie A 2016/2017 è andata in archivio, ma ha lasciato alcuni strascichi, soprattutto dell’ultima giornata. Già, perché la Roma ha conquistato il secondo posto all’ultimo respiro contro il Genoa. A segnare il gol decisivo è stato Diego Perotti, per il più classico dei gol dell‘ex. Ma, data l’importanza della marcatura, el monito non ha resistito e è esploso in un’esultanza sfrenata, togliendosi pure la maglietta.

I tifosi genoani non hanno gradito e hanno attaccato l’attaccante sui social. Dopo aver riflettuto un po’, Diego ha deciso di chiedere scusa tramite un post su Instagram: “Ho voluto lasciar passare un paio di giorni – scrive l’argentino – per chiarire bene cosa è successo domenica. Non avrei mai esultato come l’ho fatto se non avessi stato un gol ed una vittoria così importante. Capisco perfettamente a tutti i tifosi del Genoa, ma ho ricevuto una quantità di messaggi abbastanza crudele, e sono molto dispiaciuto. Comunque sia il pensiero che avete su di me non cambierà mai quello che io penso di là squadra e suoi tifosi che mi hanno rilanciato. Sono e sarò sempre genoano di cuore”.


Pillola di Fanta

Sapete perché Diego Perotti viene chiamato ‘el monito‘? Il soprannome è stato ereditato dal padre Hugo Perotti, attaccante del Boca Juniors degli anni ’80, meglio conosciuto come el mono, ovvero ‘la scimmia’. Dunque il figlioletto non poteva che essere ‘la scimmietta’. Ma attenzione, non chiamatelo così: Perotti jr non gradisce questo soprannome. Anche perché il suo nome, Diego, è quello di Maradona: Hugo, ex compagno di squadra del Pibe de oro, decise di chiamare così il figlio in suo onore. CURIOSO COME DIEGO