Milan, è tempo di vendere: fatta per Kucka al Trabzonspor

Milan, è tempo di vendere: fatta per Kucka al Trabzonspor

Si inizia lo sfoltimento della rosa in casa Milan, Juraj Kucka è a un passo dal Trazbonspor: nel pomeriggio le visite mediche

Dopo lo strabiliante mercato in entrata messo su da Fassone e Mirabelli ora il Milan deve pensare a sfoltire la rosa. Con l’arrivo di Conti – 24 milioni all’Atalanta – gli esuberi iniziano a farsi sentire. Oltre 30 giocatori sarebbero di difficile gestione da parte di Montella e le onerose spese vanno coperte con delle adeguate cessioni. In quest’ottica Juraj Kucka oggi pomeriggio farà le visite in Turchia con il Trabzonspor. Il club turco lo ha fortemente voluto e l’operazione costerà circa 6 milioni di euro, consentendo al Milan anche una buona plusvalenza. Kucka era arrivato dal Genoa nell’Agosto del 2016 per circa 3 milioni, con i rossoneri in 2 stagioni ha disputato 59 partite segnando 4 gol e conquistando una Supercoppa Italiana.

Lo slovacco sarebbe la prima cessione con incasso – Poli era andato al Bologna ma a costo zero – della sessione estiva per i rossoneri. Ne arriveranno altre, così come aveva annunciato Mirabelli in conferenza stampa. La settimana prossima sarà probante in questo senso. In pole position ci sono Bertolacci, Lapadula e De Sciglio. Il terzino della nazionale vuole andare alla Juventus, mentre per l’attaccante ex Pescara ci sono delle offerte da club di Serie A (Genoa su tutti). Più difficili le situazioni di Niang e Bacca che vorrebbero giocarsi il posto con i nuovi arrivi. Suso, invece, è stato dichiarato incedibile, notizie in controtendenza rispetto alle ultime settimane.


Pillola di Fanta

Tanta quantità e qualche bonus. Juraj Kucka ha abituato bene i suoi fantallenatori. Comprato sempre come tappabuchi, si rischia di non schierarlo quando lo slovacco piazza il bonus. Ma una fantamedia quasi sufficiente da 5,93 e solo 2 gol in stagione non possono fare di lui un titolarssimo in una fantasquadra che punta al titolo. PRIMA RISERVA

 

Fonte foto: twitter.com/acmilan