Roma, Pallotta al veleno: “Sabatini non voleva Spalletti qui, curioso che lavorino insieme”

Roma, Pallotta al veleno: “Sabatini non voleva Spalletti qui, curioso che lavorino insieme”

James Pallotta, presidente della Roma, è stupito dall’amore sbocciato tra Luciano Spalletti e Walter Sabatini, adesso insieme all’Inter

A volte la fine di un amore può essere rocambolesco e soprattutto molto doloroso. Specialmente se dopo un po’ la tua ex decide di mettersi insieme al tuo migliore amico, quello di cui ti parlava sempre così male. Dev’essere andata bene o male così il triangolo amoroso tra James Pallotta, Walter Sabatini e Luciano Spalletti. Il presidente della Roma, infatti, sembra sorpreso dal rapporto lavorativo stretto nuovamente tra gli altri due, adesso insieme all’Inter.

“Mi è dispiaciuto che il rapporto tra me e Walter si sia rotto, ma c’erano delle divergenze nell’ultimo periodo su come andava condotto il lavoro. Peccato, mi è sempre piaciuto come persona – ha spiegato al Corriere dello Sport, per poi andare con la battuta al veleno – Però trovo incredibilmente divertente e curioso che io fossi quello che spingeva per ingaggiare Spalletti e lui fosse quello contrario, e adesso sono ancora insieme all’Inter. È bellissimo“.

I fatti si riferiscono al dicembre 2015, quando Pallotta, con l’appoggio di Baldissoni, molto deluso dall’andamento della squadra, volle esonerare Rudi Garcia e chiamare proprio il mister di Certaldo. Tra chi non era affatto d’accordo con la cacciata del francese vi era appunto Sabatini, che avrebbe preferito continuare con lui fino a fine stagione, per poi tentare l’affondo per Antonio Conte. Non solo, Walter arrivò a dire alla stampa pochissimi giorni prima dell’allontanamento di Rudi “Se Garcia verrà esonerato, io sono pronto a dimettermi“.


RESTA AGGIORNATO SUL MONDO ROMA


Ma Pallotta ha trovato il tempo anche di parlare di presente e del nuovo gruppo Roma: “Sono molto felice di questa rosa e di tutto il gruppo di lavoro, dal primo all’ultimo. È un’equipe che mi piace tantissimo, dal direttore sportivo all’allenatore, passando dai giocatori che abbiamo acquistato. Per questo sono molto ottimista per il futuro e non vedo l’ora di vere all’opera questa grande squadra per quest’anno e per molti anni ancora”.

“Come staff ci impegneremo per migliorare, imparando anno dopo anno. Sono convinto che riusciremo a crescere. Ma non posso promettere nulla, se non che sono fiducioso sulla possibilità di ottenere grandi risultati sportivi”. Anche senza Sabatini, perché gli amori vanno e vengono, fanno dei giri immensi e a volte non ritornano.

Fonte foto: asroma.com