FANTASCHEDE – Lazio, arriva Caicedo: centravanti granitico, ma i bonus scarseggiano

FANTASCHEDE – Lazio, arriva Caicedo: centravanti granitico, ma i bonus scarseggiano

La squadra di Inzaghi ha acquistato l’attaccante ecuadoriano come rincalzo di Keita e Immobile. Profilo solido e lavoro sporco. Tutto su Caicedo per il fantacalcio: ruolo, caratteristiche e inclinazione a bonus, malus e infortuni

La Lazio ha ufficializzato l’acquisto dell’attaccante ecuadoriano (classe 1988) Felipe Caicedo. I capitolini lo hanno prelevato dall’Espanyol per una cifra vicina ai 4 milioni di euro. La “Pantera”, così è soprannominato dai tempi della Lokomotiv Mosca, percepirà un ingaggio di 1,5 milioni all’anno per tre anni. Un acquisto mirato, ma dal rendimento incerto. L’ecuadoriano arriva come “vice-Immobile”, ma non è detto che non possa prendersi la ribalta in caso di addio di Keita Baldé. Il reparto offensivo dei biancocelesti si arricchisce con una punta vecchio stampo, di peso, pronto a ritagliarsi uno spazio importante durante l’annata. La rosa corta e le ambizioni della dirigenza hanno spinto Lotito ad investire in attacco, poiché la Lazio dovrà disfarsi di qualche esubero come Djordjevic o Tounkara. La redazione di Calcio d’Angolo ha analizzato il profilo del centravanti ecuadoriano: caratteristiche, ruolo, inclinazione a bonus e malus e la continuità di rendimento. Insomma, tutto quello che c’è da sapere prima di decidere se comprare o meno Felipe Salvador Caicedo all’asta del fantacalcio.

CHI È FELIPE CAICEDO

Attaccante giramondo, nato a Guayaquil (città dell’Ecuador sul Pacifico) il 5 settembre 1988. All’età di soli 17 anni, Caicedo viene acquistato dal Basilea, dopo aver militato in alcune squadre del suo paese. In Svizzera, l’ecuadoriano si mette in mostra realizzando 16 reti in 62 presenze tra tutte le competizioni. L’ottimo ingresso in Europa gli frutta la chiamata del Manchester City di Robinho. In Inghilterra, tuttavia, non riesce a confermare i buoni propositi e viene ceduto allo Sporting Lisbona dopo 35 presenze e 7 gol tra gennaio 2008 e giugno 2009. Dal Portogallo in poi, sarà tutto un girovagare per l’attaccante sudamericano, con pochi alti (le 14 reti in 29 presenze col Levante e i 24 gol in 103 partite con l’Espanyol) e molti bassi. Decisamente meglio con la maglia della nazionale, con la quale vanta 22 gol in 66 partite. Basti che pensare che Caicedo è attualmente vice-capocannoniere del girone sudamericano di qualificazione a Russia 2018, con 7 reti in 11 presenze. Gli unici trofei in bacheca sono due campionati svizzeri, una coppa nazionale svizzera ed una supercoppa portoghese.

FANTACALCIO: RUOLO, CARATTERISTICHE E RENDIMENTO 6,5

Centravanti possente, classico ariete da mischia. Felipe Caicedo è la prima punta di peso capace di sgomitare in area e difendere palla. Fa salire la squadra e aiuta i compagni tramite il lavoro sporco. Punta centrale di nascita, Caicedo non disdegna anche la fascia destra, sulla quale ama defilarsi per rientrare e calciare col suo mancino. L’imponente stazza fisica, 183 cm per 84 kg, gli permettono di giocarsi l’uno contro uno fisico coi difensori avversari, cercando di prendere loro il tempo e buttarla dentro. Nonostante sia un centravanti di ruolo, l’ecuadoriano non è esattamente avvezzo al gol. Infatti, l’unica volta che è riuscito a raggiungere la doppia cifra in campionato è stata con la maglia del Levante, 13 gol in Liga nella stagione 2010/11. Lo scorso anno solo 2 reti e 2 assist in 27 presenze con l’Espanyol. A fronte di un minutaggio elevato, dunque, non corrisponde un rendimento altrettanto notevole. A Barcellona, tuttavia, Caicedo sembrava aver trovato un po’ di stabilità, realizzando il personale record di gol finora (24) oltre a 4 assist totali. Le sue prestazioni, dunque, riducono le aspettative nei suoi confronti. Si tratta, in sintesi, del classico attaccante da mettere dentro negli ultimi minuti, per provare a scardinare il reparto difensivo avversario.

FANTACALCIO: INDICE DI TITOLARITA’ 6

Caicedo arriva come punta di scorta. Il suo minutaggio, tuttavia, potrebbe subire un’impennata soprattutto in ottica rotazioni Europa. Difficile, però, che Inzaghi lo consideri come centravanti titolare ai nastri di partenza. La coppia Keita-Immobile, se non dovesse sfaldarsi, ha davvero impressionato e sarebbero loro i titolari del 3-5-2 biancoceleste. In ottica turn-over, Caicedo potrebbe far certamente comodo e magari scalare posizioni con qualche gol pesante.

FANTACALCIO: INCLINAZIONE AI BONUS 5

Difficile prevedere caterve di gol da un giocatore come Caicedo. La sua storia recente, in Spagna, lo ha confermato come attaccante di buona continuità (per lui 1.282 minuti lo scorso anno) ma dallo scarso feeling con la porta. La sua carriera racconta di 329 presenze e soli 81 gol finora, conditi da 18 assist. Tanto lavoro per la squadra, dunque, ma una tecnica non eccelsa che gli impedisce di sfondare il muro della doppia cifra (oltre il quale, come già detto, si è spinto solo una volta). La scorsa stagione ha avuto bisogno di 641 minuti per andare in gol, e i suoi scarsi numeri confermano il mancato rispetto delle attese in età giovanile. Oramai 28enne, il sudamericano approda alla Lazio per rilanciarsi e rimpolpare la propria casella delle marcature.

FANTACALCIO: FREQUENZA MALUS 7

Nonostante l’aspetto minaccioso e la stazza, Felipe Caicedo è un giocatore estremamente corretto. Per lui, solamente 51 cartellini gialli in oltre 300 partite (4 la scorsa stagione). L’unica espulsione, tra l’altro per doppia ammonizione, proprio la scorsa stagione con l’Espanyol. L’ecuadoriano, inoltre, non si è mai reso protagonista di un’autorete, e questo fa alzare l’indice di gradimento verso il suo profilo: non come top player, ma come attaccante da sufficienza garantita.

FANTACALCIO: RESISTENZA AGLI INFORTUNI 6,5

Il centravanti sudamericano è granitico nei muscoli. Per lui, lo scorso anno, solo tre partite saltate, delle quali una per influenza e due per un problema alla coscia che si porta dietro da anni. Rischio forte di ricaduta, dunque, in quella zona del corpo, che tuttavia lo porta a star fermo solo per qualche settimana. Oltre ai problemi alla coscia, che lo attanagliano, da registrare solo piccoli problemi ai legamenti, accanto ad una più pesante rottura della fibra muscolare nel 2010/11 (con la maglia del Levante), con successiva ricaduta l’anno successivo alla Lokomotiv Mosca.

FANTACALCIO: PRENDERE CAICEDO? 6

La punta sudamericana è un buon rincalzo. Classico giocatore da prendere in coppia coi centravanti titolari, per evitare brutte sorprese e non andare a voto. Difficile che possa stupire in zona bonus e questo lo rende poco appetibile “fantacalcisticamente”. Giocatore da ultimi slot del reparto offensivo, vale la pena spendere qualche milione per lui solo se accoppiato a Immobile o Keita. Discorso diverso se il senegalese dovesse partire. A quel punto, se Lotito non dovesse optare per un sostituto importante, si aprirebbero nuovi scenari di titolarità per l’ecuadoriano.

LA FANTASCHEDA DI CAICEDO

Caratteristiche: 6,5
Titolarità: 6
Bonus: 5
Malus: 7
Infortuni: 6,5
Fantavalore: 6,2


Il fantavalore è la media aritmetica delle valutazioni assegnate dalla redazione di Calcio d’Angolo alle caratteristiche del giocatore, alla titolarità, alla frequenza dei bonus, alla capacità di evitare malus e all’inclinazione agli infortuni.


Clicca QUI per visionare tutte le fantaschede