Torino, Petrarchi svela: “L’offerta del Milan per Belotti era troppo bassa”

Torino, Petrarchi svela: “L’offerta del Milan per Belotti era troppo bassa”

Il ds granata parla dei retroscena del mercato del Toro e di tutte le sue trattative, su Belotti svela che il Milan voleva inserirlo nell’affare Niang

Gianluca Petrachi ha parlato in lungo e in largo delle operazioni di mercato estive che hanno permesso al Torino di formare una squadra a immagine e somiglianza di mister Mihajlovic. Il mercato dei granata è partito in anticipo con le operazioni del portiere Milinkovic-Savic (fratello del più celebre Sergej della Lazio) e Lyanco, poi il riscatto di Falque a gennaio dalla Roma. In estate sono arrivati tanti giocatori importanti fra i quali Sirigu, Rincon, N’Koulou e Niang, con le partenze illustri di Benassi e Zappacosta (ceduto al Chelsea per ben 28 milioni di euro), trattenendo però Ljajic, Barreca, Baselli e soprattutto Belotti.

Proprio sul “gallo” il ds del Torino si sofferma in maniera particolare perché in molti erano convinti che sarebbe stato ceduto in estate: “Noi stiamo cercando di fare un Toro sempre più forte, e cedendo Belotti a 50-60 milioni non avremmo potuto farlo. L’offerta del Milan non era congrua, volevano inserirlo nella trattativa per Niang. Vogliamo che Belotti possa arrivare ad essere pagato per quello che vale, e se il ragazzo vorrà confrontarsi con squadre che fanno la Champions potremmo riparlarne”.

 

Fonte foto: torinofc.it