Vitesse-Lazio, biancocelesti corsari in Olanda: 3-2 in rimonta. Decisivo Murgia

Vitesse-Lazio, biancocelesti corsari in Olanda: 3-2 in rimonta. Decisivo Murgia

Biancocelesti due volte in svantaggio, ma che con grande cuore e con l’inserimento dei “big” ribalta la situazione. Oltre al giovane Murgia, a segno anche Parolo e Ciro Immobile

La Lazio vince 3-2 in rimonta sul campo del Vitesse e inizia nel migliore dei modi la sua Europa League, eguagliando i risultati positivi di Milan e Atalanta. Decisivo ancora una volta, come in Supercoppa Italiana, Alessandro Murgia, col gol della vittoria. Ecco il racconto della partita.

Olandesi subito pericolosi con una palla vagante al limite dell’area di rigore, ma Matavz non arriva bene sul pallone. Dopo una fase di grande propensione in avanti del Vitesse la Lazio comincia ad approfittare degli spazi lasciati nel campo avversario e ad avvicinarsi alla porta difesa da Pasveer, con Caicedo e Luis Alberto che sfiorano il gol in un paio di circostanze. Le squadre continuano a darsi battaglia con continui capovolgimenti di fronte, ma alla fine, poco dopo la mezz’ora di gioco, il Vitesse passa in vantaggio proprio grazie a Matavz: 1-0, con l’ex Genoa che deposita la palla in rete sugli sviluppi di un cross basso proveniente dalla destra. La Lazio però non si abbatte e si proietta nella metà campo olandese, con i gialloneri che però si difendono in maniera ordinata. La prima frazione di gioco si conclude con l’ammonizione nei confronti nel giovane Luis Felipe e un salvataggio scomposto nella propria area di rigore da parte di Murgia, che rischia di regalare un rigore che avrebbe tagliato le gambe ai biancocelesti in caso di realizzazione. Sul “gong” finale è ancora Caicedo a liberarsi bene tra i difensori ma non riesce a inquadrare lo specchio della porta.


NON PERDERE NEANCHE UNA NOTIZIA SULLA LAZIO, SU CALCIODANGOLO.COM


La Lazio dimostra di non essere “morta”, e in avvio di ripresa arriva la conferma. Inzaghi lancia nella mischia Immobile, subito pericoloso con un tiro respinto sa Pasveer. Il portiere però rinvia corto in modo maldestro, e sugli sviluppi di un’azione confusa Parolo colpisce il pallone al volo dal limite dell’area e fa 1-1 per i biancocelesti. Neanche il tempo di esultare e il Vitesse ricomincia a far male: prima Bruns sfiora il palo con un tiro molto teso da fuori area, e un minuto dopo, al 57′, raddoppia con Linssen, lesto nel cogliere un cross in area piccola: 2-1. Il tecnico laziale corre ulteriormente ai ripari, e inserisce Milinkovic-Savic al posto di un Di Gennaro mai realmente incisivo, ma è ancora il Vitesse coi soliti Matavz a e Bruns a sfiorare il gol, con l’assistenza di Rashica, giocatore molto interessante. La partita è bellissima e aperta a qualsiasi risultato, e nel momento migliore degli olandesi è ancora la Lazio a trovare il gol: splendida manovra Luis Alberto-Milinkovic, assist per Caicedo che libera di tacco Immobile, che realizza il gol del 2-2. Poco dopo avviene un episodio dubbio in area laziale: Bastos insegue Matavz mentre inseguono il pallone, e lo sloveno colpisce con un pugno allo stomaco il difensore. L’arbitro non vede nulla. Poco dopo è ancora Caicedo a rendersi pericoloso, ma il portiere la para facile. Il 3-2 è, però, solo rimandato: Immobile cerca Murgia, van der Werff perde il rimpallo, e il giovane laziale segna con freddezza. Biancocelesti in vantaggio per la prima volta nella serata. A dieci minuti dal termine entra in campo l’ex Inter Luc Castaignos, che 5 minuti più tardi sfiora il gol con un colpo di testa che finisce alto. Le squadre sono stanche e non creano altre particolari occasioni, e così la Lazio si gode una vittoria strameritata, soprattutto per quanto visto nei secondi 45 minuti.

Vitesse (4-3-3): Remko Pasveer; Fankaty Dabo (dall’83’ Colkett), Guram Kashia, Matthew Miazga, Alexander Büttner; Thomas Bruns, Maikel van der Werff, , Navarone Foor; Milot Rashica, Tim Matavž (GOL, dal 79′ Castaignos), Bryan Linssen (GOL). All. Fraser

Lazio (3-5-2): Thomas Strakosha; Bastos, Stefan de Vrij (AMMONITO), Luis Felipe (AMMONITO, dal 46′ Immobile, GOL); Adam Marušić, Alessandro Murgia (GOL), Davide Di Gennaro (dal 60′ Milinkovic-Savic), Marco Parolo (GOL), Jordan Lukaku (dal 65′ Lulic); Luis Alberto, Felipe Caicedo. All. S.Inzaghi


💊 Pillola di Fanta 

Uno dei protagonisti della serata, anche se non appare nel tabellino dei marcatori, è sicuramente Caicedo. Arrivato alla Lazio in estate, l’attaccante originario dell’Ecuador ha realizzato, nella sua esperienza in Liga spagnola, 19 reti, e ha servito 4 assist per i compagni. Cosa che gli è riuscita egregiamente anche stasera, in occasione del 2-2 di Immobile. Chissà che non sia l’inizio di una scalata verso la titolarità, anche se sarà dura scalzare il napoletano e Luis Alberto. SORPRESA SUDAMERICANA