Fiorentina-Udinese, Delneri rammaricato: “Sconfitta figlia del primo tempo e della sosta”

Fiorentina-Udinese, Delneri rammaricato: “Sconfitta figlia del primo tempo e della sosta”

L’allenatore dell’Udinese, Gigi Delneri, ammette di non aver disputato un buon primo tempo e se la prende con l’assenza di alcuni dei suoi per la sosta delle Nazionali

Dopo la bellissima vittoria per 4-0 di domenica scorsa sulla Sampdoria, l’Udinese esce sconfitta per 2-1 sul campo della Fiorentina, trafitta da due reti proprio dell’ex Cyril Thereau. Dal commento a caldo dell’allenatore friulano Gigi Delneri, subito dopo la partita, si scorge un pizzico di rammarico, dovuto alla sosta e alla prestazione del primo tempo.

Sulla partita: “Abbiamo concesso il primo tempo, nella ripresa abbiamo cercato di rientrare in partita, ma la stanchezza poi è stata abbastanza evidente. Ci manca cattiveria, la serenità di riuscire a produrre un calcio importante. Abbiamo una sorta di impasse psicologica. Abbiamo preso dei gol che si possono evitare con un po’ più di attenzione.“.

Sulla sosta: “La sconfitta è figlia anche della sosta: abbiamo avuto tanti giocatori che sono andati via e l’abbiamo pagato“.

Sul mattatore della partita nonché ex, Thereau: “Ha fatto la sua partita, peccato abbia segnato contro di noi. Serviva più attenzione per controllarlo“.

La posizione di Delneri torna così ad essere in bilico: “Noi allenatori viviamo di risultati, tranquillità è una parola grossa. Gli allenatori vivono momenti buoni e meno buoni, questo non è buono, ma pensiamo di poterne uscire con il lavoro“.

Infine, un commento sulla Juventus, sua ex squadra: “Ieri ha perso, ma ha anche prodotto occasioni in quantità industriale. La Juventus resta sempre la Juventus“.


💊 Pillola di Fanta

Quest’oggi, Samir è stato il migliore dei suoi e ha siglato il suo primo gol con la maglia dell’Udinese; non è però il primo in Serie A, che è arrivato più di un anno e mezzo fa: era il 4 aprile 2016 e vestiva la maglia del Verona in prestito proprio dai bianconeri. Il brasiliano è una delle poche note positive di questa Udinese e non sta giocando nemmeno nel suo ruolo: l’ex Flamengo infatti gioca da terzino sinistro, ma nasce come difensore centrale. PROSPETTO FUTURO