Lazio, passo in avanti della Curva Nord: “Stop a cori razzisti”

Lazio, passo in avanti della Curva Nord: “Stop a cori razzisti”

Con un comunicato la parte calda del tifo laziale rende noto che farà quanto possibile per evitare ululati o “cori che possono sembrare razzisti”

Passo in avanti per una delle tifoserie più calde d’Italia. La Curva Nord della Lazio ha reso noto con un comunicato che intende evitare ogni forma di coro o contestazione che possa sembrare di stampo razziale. Dopo l’ennesima squalifica della Curva per i cori verso Adjapong Duncan, gli ultras laziali hanno pubblicato un comunicato chiaro e duro.

Fortunatamente, a trionfare nel comunicato è il senso di responsabilità: “Al fine di evitare pesanti sanzioni nei confronti della nostra squadra da parte della commissione disciplinare della Uefa, non partiranno da parte della nostra curva ululati di nessun genere che possano essere interpretati come gesti con sfondo razziale“.

Seguono le scuse per questo tipo di gesto assolutamente privo di senso: “Siamo stati i primi a introdurre questa modalità all’interno degli stadi italiani, ma adesso per il bene del cammino della nostra squadra in Europa, dobbiamo evitare ogni tipo di pretesto che possa essere usato contro di noi per eliminarci dalla competizione“.

Ma nel proseguire col comunicato, torna a spuntare una matrice violenta: Ricordiamo a tutti i laziali vecchi e giovani che essere Ultras non si dimostra da questi gesti ma si dimostra per le strade, sul campo, partendo insieme e tornando insieme, e, quando capita, confrontandosi con le tifoserie avversarie. Questo non è un appello della Lazio o della Uefa, ma un ordine di chi vive la Lazio come facciamo noi“. Cosa si intendesse con quel “confrontandosi” rimane un mistero. Speriamo invece che sia una certezza la fine dell’odiosa pratica dell’ululato, che non ha niente di divertentegoliardico.


💊 Pillola di Fanta

La Lazio sta letteralmente volando sulle ali dell’entusiasmo. Se in campionato l’impressione è che i biancocelesti saranno un osso duro per tutti, in Europa la squadra di Inzaghi è tutta da scoprire. E chissà che con l’appoggio dei suoi tifosi non arrivi fino in fondo. SCOPERTA