Roma-Napoli, Di Francesco: “Schick e Strootman non convocati. Juve ancora meglio del Napoli”

Roma-Napoli, Di Francesco: “Schick e Strootman non convocati. Juve ancora meglio del Napoli”

In conferenza stampa prima di Roma-Napoli, Di Francesco ha dichiarato che Schick e Strootman non saranno della partita. Ecco la conferenza stampa LIVE del mister giallorosso

Vigilia di Roma-Napoli per gli uomini di Eusebio Di Francesco che domani sera riceveranno all’Olimpico la capolista, reduce da 7 vittorie nelle prime 7 partite di campionato.

Roma-Napoli decreterà l’anti-Juventus?: “È una sfida che può determinare chi sarà il vero opposto alla Juventus. I bianconeri sono sempre i favoriti.”.

Da una parte Mertens, dall’altra Dzeko: “Mertens è la prima volta che gioca da centravanti. Prima dell’anno scorso non ha mai giocato da vero 9. Preferisco Edin“.

Sugli infortunati Schick e Strootman: “Patrik e Kevin non saranno convocati: valuteremo Strootman per il Chelsea, potremo recuperarlo. Per schick non bisogna avere fretta, basta domande su di lui, lasciamolo tranquillo. Lo metterò in campo quando sarà in grado di giocare una gara o uno spezzone”.

Su El-Shaarawy: “Sicuramente ci sono state valutazione sbagliate. Abbiamo un ottimo rapporto con la Nazionale, mi auguro solo che non accada più; è un peccato vederlo tornare infortunato, ma pretendo da tutti maggior attenzione”.

Napoli meglio della Juventus sul piano del gioco: “Bel gioco non è sinonimo di risultati, ma la Juve rimane la squadra da battere”.

Su Nainggolan: “Può giocare in qualsiasi ruolo”.

Sullo schema difensivo: “Importante valutare chi si va ad affrontare. Domani saranno tutti attaccanti piccoli, ma devo valutare le condizioni di Fazio, ricordando che ci sono anche altre partite”.

Sulla piazza di Roma: “Vincendo col Napoli si parlerà di scudetto? Ambire per migliorarsi e crescere aiuta. Ma stiamo parlando di una domanda che preferirei fosse fatta domani, in caso, ovviamente, di vittoria”.

Su Karsdorp: “Sarà convocato. Come Schick dovremo valutarlo giorno dopo giorno, ma può subentrare; si sta allenando con noi da tre sedute”.

Sull’affluenza di tifosi: “E’ riduttivo parlare della scarsa affluenza. Riguarda tutte le squadre: guardiamo i paesi europei, che fanno meglio di noi soprattutto in fatto di organizzazione e di stadi. 40.000 persone non sono tantissime per domani, un po’ mi dispiace”.