Milan, le parole di Mirabelli: “Belotti in rossonero? Vedremo in futuro. Raiola? Un attore”

Milan, le parole di Mirabelli: “Belotti in rossonero? Vedremo in futuro. Raiola? Un attore”

Mirabelli ha parlato di alcune vicende dello scorso mercato di estivo raccontando di come l’operazione-Bonucci si sia chiusa in 24-48 ore. Parole anche per Montella e Donnarumma

Massimiliano Mirabelli ha ripercorso i suoi mesi da direttore sportivo al Milan, da quando quest’estate si è insediato nella dirigenza rossonera. Tanti i temi trattati, da Montella a Raiola, passando per Bonucci e soprattutto per il calciomercato.

Sul mercato: “Ormai è risaputo che abbiamo cercato di portare Belotti in rossonero; è stata una cosa abbastanza difficile per diversi motivi, ma è un giocatore forte ed è un tifoso milanista. Chi lo sa, magari un giorno potrà indossare la maglia che sogna da bambino. Pellegri e Salcedo sono invece due ottimi prospetti: però il Genoa è diventata bottega un po’ cara. L’operazione Lapadula? Loro avevano necessità di fare questo tipo di investimento, cifra discretamente importante per il riscatto del giocatore“.

Dal mercato che verrà, al mercato che è stato. In particolare su Bonucci: “Non avevamo idea che ci potesse essere la possibilità di prenderlo dalla Juve: mai avrei immaginato che si privassero di un giocatore così importante. Poi quando mi trovai con il suo agente Lucci per parlare di Bertolacci, più volte mi faceva battute su Bonucci e io gli dicevo di non farmi perdere nemmeno tempo. Fin quando ho parlato direttamente con Leo e ho visto che aveva una grandissima voglia: i presupposti per portarlo a Milano c’erano, ne parlai con Fassone e gli dissi ‘o la chiudiamo in 24-48 ore o lasciamo perdere‘. Alla fine sappiamo tutti com’è andata“.

In estate è stata lunga anche la telenovela legata a Donnarumma: “Mino Raiola è uno degli agenti più importanti al mondo, gestisce grandi giocatori, non stiamo parlando di uno sprovveduto. Quando lui disse che Donnarumma non avrebbe rinnovato, eravamo sconfortati, ma abbiamo lottato e siamo riusciti a trovare l’accordo“.

Su Raiola: “Ha detto di non credere nel nostro progetto? Lui è un po’ un attore, gli piace essere protagonista, gli piace dire queste cose anche perchè parlare de Milan significa stare sui giornali, anche se lui non ne ha bisogno. Certo, non crederci è un un po’ un’offesa verso i giocatori che lui ha da noi, ma è il gioco delle parti“.

Su Montella e la possibilità di prendere Conte l’estate prossima: “Noi abbiamo un allenatore di cui abbiamo grande stima, non pensiamo ad altri tecnici“.


💊 Pillola di Fanta

In questi primissimi mesi di Milan, Leonardo Bonucci, ha dimostrato di trovare non poche difficoltà nella difesa rossonera. Che Romagnoli, Zapata e Musacchio non siano come Chiellini, Barzagli, Rugani e Benatia è chiaro, ma il numero 19 è un difensore di caratura internazionale e per i milioni che è stato pagato e per la società in cui gioca, deve dimostrare di essere lui il vero leader difensivo di questo Milan. I tifosi e non solo ancora lo attendono. IN ATTESA

Fonte foto: twitter.com/acmilan