Serie A, i risultati delle 15: l’Inter sbanca il Vigorito, la Lazio schianta il Sassuolo

Serie A, i risultati delle 15: l’Inter sbanca il Vigorito, la Lazio schianta il Sassuolo

Alle 15 si sono tenute cinque partite, compresa Chievo Verona-Fiorentina, Torino-Verona e Spal-Crotone

Scontri salvezza e lotta a distanza per l’Europa in queste cinque partite di Serie A delle 15. Gol ovunque, spettacolo ma anche nervosismo e tantissimi infortuni, compreso quello di Andrea Belotti. Benevento-Inter potrebbe essere l’ultima partita di Baroni sulla panchina delle streghe, mentre la Lazio continua il suo glorioso cammino a suon di gol e grandi giocate. Ecco come sono andate i match:

BENEVENTO-INTER 1-2

L’Inter passa al Vigorito ma fatica parecchio. Nel primo tempo il castello difensivo costruito da Baroni dura soli 19 minuti, quando di testa Marcelo Brozovic infila Belec. Il centrocampista croato firma la personale doppietta pochi minuti dopo con una grande botta su punizione. Il Benevento non ci sta e riesce ad accorciare le distanze a 5 minuti dal duplice fischio con D’Alessandro. Nel secondo tempo l’Inter prova a mettere a sicuro il match ma deve stare attenta al ritorno dei padroni di casa che pressano e fanno il loro massimo. Il 2-1 finale premia ancora l’Inter che vince la sua seconda partita di fila con un gol di scarto.

LAZIO-SASSUOLO 6-1

Un ottimo Sassuolo riesce ad imbrigliare la Lazio per tutto il primo tempo. Contropiedi micidiali per i neroverdi che passano addirittura in vantaggio con Berardi su rigore. Gli uomini di Inzaghi non riescono quasi mai a tirare in porta ma trovano il pareggio con una punizione spettacolare di Luis Alberto. Squadra di Bucchi sfortunatissima nella prima frazione: Letschert si fa male e lascia il posto a Peluso. L’ex Juventus a sua volta si spacca il naso ed è costretto ad uscire. Il tecnico è costretto a mettere Mazzitelli e passare alla difesa a 4. Il cambio modulo è fatale: nel secondo tempo i biancocelesti passano in vantaggio con De Vrij, poi ancora Alberto e doppietta di Parolo per il 5-1. Dopo l’esordio stagionale di Nani, si iscrive alla festa anche Ciro Immobile che fa game, set e match.

TORINO-HELLAS VERONA 2-2

Il Torino butta via la vittoria negli ultimi minuti di gioco. I ragazzi di Mihajlovic non partono fortissimo e il Verona si rende più volte pericoloso. Poi la svolta: esce De Silvestri per problemi all’anca. Al suo posto Ansaldi che con un grande inserimento sorprende la difesa di Pecchia e mette in mezzo per Iago Falque che fa 1-0. Poco dopo raddoppia Niang per il 2-0 con cui i granata vanno a riposo. Per gli ospiti invece al 32′ esce Romulo per un fastidio alla spalle, al suo posto Valoti.  Nella ripresa il Verona prova a buttare dentro tutte le punte, compreso Giampaolo Pazzini. Ma la squadra di Pecchia non sembra in grado di far del male ad un Torino che prova anche a fare il 3-0 con Belotti, il quale a 10 minuti dalla fine esce in barella per un problema al ginocchio. Ultimi minuti di caos: caso Var con gol di Kean assegnato dopo 2 minuti dalla segnalazione di fuorigioco che rimette in vita l’Hellas. Dopo pochi minuti Gavillucci, ancora con l’ausilio del Var, assegna calcio di rigore che Pazzini realizza. Saltano i nervi: al 97′ espulso Zuculini per due gialli a centrocampo in 2 minuti.

CHIEVO VERONA-FIORENTINA 2-1

Partita divertente al Bentegodi dove la Fiorentina, come 3 settimane fa contro l’Hellas, passa subito in vantaggio con Simeone. Il Chievo però è squadra tosta e dopo essersi riassettata riesce a trovare il pareggio con Lucas Castro. All’inizio della ripresa è sempre il Pata a ribaltare il risultato grazie ad un colpo di testa che disegna un arcobaleno su cui Sportiello non può intervenire. La partita continua ad altissimi ritmi con la viola, oggi in verde, che non ci sta e ci prova in tutti i modi a portare via almeno un pareggio da Verona. Ma gli svariati tentativi vengono stoppati dalla difesa clivense e da Sorrentino. Alla fine sarà 2-1, con il Chievo che vola a 11 punti mentre la Fiorentina resta arenata a 7.

SPAL-CROTONE 1-1

Il Crotone parte bene per i primi 10 minuti e cerca di andare in vantaggio. Però alla lunga esce la Spal che prende il centro del ring e costringe gli ospiti a rintanarsi nella propria trequarti. I ferraresi cercano di pungere in attacco ma sono anche costretti a perdere il bomber Borriello. Al 29′ dunque entra Alberto Paloschi che ci mette soltanto 10 minuti a sbloccare il match. Nel secondo tempo i calabresi partono bene e riescono a riequilibrare il match con Simy al 59′. Gli ultimi 30 minuti vivono di folate da una parte e dall’altra ed entrambe sembrano non accontentarsi del pareggio. Si segnala anche una grande doppia parata di Cordaz che riesce a congelare sull’1-1.


💊Pillola di Fanta

A Torino il più atteso alla vigilia era Mbaye Niang, finito nell’occhio del ciclone dopo alcune deludenti prestazioni. Il francese però è stato bravissimo a ripagare la fiducia di Mihajlovic ritrovando il gol in Serie A dopo praticamente un anno (16 ottobre 2016, Chievo-Milan 1-3). RITROVATO

Fonte foto: twitter.com/@acffiorentina