Atletico Madrid-Roma, Di Francesco: “Ce la siamo giocata. Loro più cattivi nel finale”

Atletico Madrid-Roma, Di Francesco: “Ce la siamo giocata. Loro più cattivi nel finale”

La Roma esce sconfitta, ma Di Francesco non ne fa un dramma. Uniche recriminazioni la poca cattiveria sotto porta e il calo nel finale

Dopo la sconfitta per 2-0 della Roma contro l’Atletico Madrid, Di Francesco si dice orgoglioso dei suoi e di essersela giocata contro una squadra come quella di Simeone. Unica pecca la mancanza di cattiveria, soprattutto nell’ultima mezz’ora.

Sulla partita: “Non dimentichiamoci chi è l’Atletico Madrid. Noi siamo stati troppo imprecisi, ci è mancato l’ultimo passaggio. Loro hanno avuto più cattiveria, soprattutto nella fase giusta della gara, ovvero gli ultimi 30 minuti“.

Di Francesco non fa drammi per la sconfitta: “Bisogna prendere le sconfitte in maniera intelligente. Noi abbiamo sbagliato un po’ troppo, ma chiunque affronta l’Atletico fa una grande fatica, soprattutto in casa. Noi c’eravamo, abbiamo dimostrato di potercela giocare. Alla fine loro sono stati più bravi ad imporsi“.

Su Dzeko che non segna da quasi due mesi: “Edin segnerà. Quando un attaccante non segna è condizionato. nella prima mezz’ora potevamo essere più precisi, ciò non ha permesso anche a lui di avere il giusto impatto sulla partita“.

Sui margini di miglioramento: “Secondo me ne abbiamo, al di la dei risultati. Quando riesci a essere aggressivo e ad avere un certo tipo di mentalità, la qualità prima o poi viene fuori. Oggi siamo venuti a giocarcela, loro avevano solo una possibilità: vincere. Noi dovevamo essere più cattivi sia quando attaccavamo, sia quando difendevamo“.

Sul turnover: “Io rispondo coi risultati e coi fatti. Se l’Atletico ci avesse messo sotto sarebbe stato un discorso diverso, ma ciò non è successo. Siamo mancati nell’ultima mezzora, quando dovevamo dare qualcosa in più. Io penso a lavorare e a dare ai giocatori la giusta convinzione“.


💊 Pillola di Fanta

Con quella di oggi, Kevin Strootman taglia il traguardo delle 100 presenze in giallorosso. Senza gli infortuni, l’olandese avrebbe potuto disputarne molte di più sia con la Roma che con la Nazionale. Se poi ci si mette anche la non qualificazione agli ultimi europei e ai prossimi mondiali dell’Olanda, per Kevin non può trattarsi che di SFORTUNA