Europa League: il Lione fa fuori l’Everton, passo avanti Villareal. Tutti i risultati della 4^ giornata

Europa League: il Lione fa fuori l’Everton, passo avanti Villareal. Tutti i risultati della 4^ giornata

Turno positivo per le squadre tedesche, giochi riaperti per il secondo posto nel girone della Lazio. Ecco tutti i risultati e le curiosità della serata di Europa League

Girone A

Maccabi Tel Aviv-Astana 0-1

Slavia Praga-Villareal 0-2

Ancora tutto da decifrare l’esito del raggruppamento A. Unico verdetto: l’eliminazione degli israeliani del Maccabi, sconfitti per 1-0 in casa dall’Astana. I kazaki raggiungono quota 7 punti, e si collocano a metà strada tra lo Slavia Praga (5 punti) e la capolista Villareal (8). La compagine spagnola esce vittoriosa dal campo dei cechi grazie alla rete molto bella dell’ex Milan Carlos Bacca, a segno anche all’andata, e ad un autogol di Deli.

Girone B

Young Boys-Dinamo Kiev 0-1

Partizan Belgrado-Skenderbeu Korce 2-0

Una rete di Buyalskyy regala alla Dinamo Kiev la matematica certezza dell’accesso ai sedicesimi di finale. Con la vittoria esterna sul campo dello Young Boys per 1-o gli ucraini raggiungono quota 10 punti, mentre gli svizzeri restano a 3. Questi ultimi si giocheranno l’ultimo posto disponibile col Partizan Belgrado che, in virtù della vittoria in casa per 2-0 contro lo Skenderbeu Korce, raggiunge il secondo posto a quota 5 punti e lascia gli albanesi ultimi a 2.

Girone C

Istanbul Basaksehir-Hoffenheim 1-1

Ludogorets-Sporting Braga 1-1

Doppio pareggio e doppio 1-1 nel girone C. Un punto che fa sicuramente comodo al Ludogorets (che resta in testa a 8 punti) e allo Sporting Braga (che insegue a 7 subito dopo). Mantiene vive le speranze di qualificazione l’Hoffenheim, salito a 4 punti: i tedeschi però sprecano il vantaggio firmato da Grillitsch e si fanno raggiungere al 93′ da una rete di Visca. Da segnalare, nei turchi, la presenza in campo dell’ex Napoli e Udinese Inler (ammonito) e di Eljero Elia (alla Juventus nell’anno del primo scudetto di Antonio Conte).

Girone D

Rijeka-Austria Vienna 1-4

AEK Atene-MILAN 0-0

Non approfitta dell’ennesimo passo falso del Milan (che replica lo 0-0 dell’andata contro l’AEK Atene), il Rijeka, che subisce una goleada in casa da parte dell’Austria Vienna: 1-4 il risultato finale. In classifica la compagine centro-europea sale a 4 punti e scavalca proprio i croati, che restano a 3. In vetta, nonostante tutto, resta la squadra di Vincenzo Montella a 8 punti, inseguita a -2 dall’AEK, e con l’impressione che la qualificazione sia rimasta una questione tra queste due squadre.

Girone E

Apollon Limassol-ATALANTA 1-1

Olympique Lione-Everton 3-0

Detto dell’Atalanta, che spreca l’occasione di intascare già stasera la storica, matematica qualificazione ai sedicesimi di finale, ne approfitta decisamente il Lione. I francesi si sbarazzano dell’Everton con un perentorio 3-0, e raggiungono gli orobici in vetta a quota 8 punti. Inglesi sicuramente più volenterosi e combattivi con l’avvento di Unsworth in panchina, ma ancora una volta sconfitti e fuori dai giochi definitivamente e clamorosamente, rispetto ai pronostici iniziali. L’Apollon resta a -5 dalle due capolista, ma la sensazione è che alla fine Lione e Atalanta dovrebbero farcela.

Girone F

Copenhagen-Fastav Zlin 3-0 

Lokomotiv Mosca-Sheriff Tiraspol 1-2

Equilibrio assoluto nel raggruppamento F, dove Copenhagen e Sheriff vanno a braccetto, a 6 punti, in testa alla classifica. I danesi hanno battuto con un rotondo 3-0 lo Zlin, che resta a 2 punti ma ancora assolutamente in gioco per la qualificazione. Stesso discorso per la Lokomotiv Mosca, battuta in casa dai moldavi ma che ha 5 punti in classifica, e quindi assolutamente di diritto dentro i giochi. Una situazione che probabilmente si risolverà solo all’ultima giornata.

Girone G

Steaua Bucarest-Hapoel Beer Sheva 1-1

Viktoria Plzen-Lugano 4-1

Ottima vittoria del Viktoria Plzen sul Lugano per 4-1: grande protagonista l’attaccante Krmencik, autore di una doppietta e di un assist. I cechi salgono al secondo posto a quota 6 punti e inseguono la capolista Steaua Bucarest, che però è già ai sedicesimi. I rumeni guidano il girone a quota 10, raggiunta in virtù del pareggio contro l’Hapoel Beer Sheva, terzo a -2 dal Plzen e che spera ancora di guadagnarsi il suo posto al turno successivo.

Girone H

Arsenal-Stella Rossa Belgrado 0-0

Colonia-Bate Borisov 5-2

Arsenal fermato sul pareggio a reti bianche dalla Stella Rossa Belgrado, ma che raggiunge la qualificazione. I “gunners” comandano il girone H a 10 punti, +5 proprio sui serbi. Per il secondo posto si candida di prepotenza il Colonia, sconfitto all’andata dal Bate Borisov, ma che stasera si è riuscito a prendersi la sua rivincita con una larghissima vittoria. Primi 3 punti per i tedeschi, che salgono a -1 dai bielorussi e -2 dalla Stella Rossa. Nessuno è ancora escluso.

Girone I

Salisburgo-Konyaspor 0-0

Vitoria Guimaraes-Olympique Marsiglia 1-0

Il Salisburgo pareggia 0-0 e sale a quota 8: qualificazione vicina per gli austriaci. Serata da dimenticare per il Marsiglia, sconfitto dal Vitoria Guimaraes. Serata iniziata già male a causa del bruttissimo episodio che ha visto protagonista l’ex juventino Patrice Evra. In classifica i francesi restano a 6 punti e vedono avvicinarsi proprio i portoghesi e il Konyaspor, che non demordono e inseguono a quota 4.

Girone J

Athletic Bilbao-Ostersunds 1-0

Herta Berlino-Zorya 2-0

Le due blasonate del raggruppamento J riaprono i giochi in chiave qualificazione, avvicinando le due squadre al comando. Il Bilbao batte la capolista Ostersunds grazie alla rete di Aduriz, e sale a 5 punti, -2 dagli svedesi. I tedeschi invece salgono a 4 punti grazie al 2-0 sullo Zorya, che resta a 6 punti. Situazione davvero controversa e con ogni soluzione ancora possibile da qua ai prossimi due match.

Girone K

LAZIO-Nizza 1-0

Vitesse-Zulte Waregem 0-2

Detto della qualificazione “last minute” della Lazio, rientra in gioco per la qualificazione lo Zulte Waregem. I belgi hanno battuto a domicilio il Vitesse col risultato di 2-0, salendo a 4 punti in graduatoria. Il Nizza è lì, solo a due lunghezze, e dopo la doppia batosta contro i biancocelesti e il momento non positivo in Ligue 1 non è tanto sicuro di passare al turno successivo.

Girone L

Real Sociedad-Vardar Skopje 3-0

Rosenborg-Zenit San Pietroburgo 1-1

Zenit di Mancini ai sedicesimi di finale grazie al pareggio al 93′ firmato Kokorin. Inutile il gol del vantaggio del Rosenborg realizzato dall’ex Arsenal e Juventus Bendtner. Praticamente qualificata anche la Real Sociedad, che sale a 9 e rispetto all’andata ne fa “solo” la metà al malcapitato Vardar Skopje, che chiude il girone a quota zero.