Fantacalcio, top&flop della 14^ giornata: super Inglese, disastro De Rossi

Fantacalcio, top&flop della 14^ giornata: super Inglese, disastro De Rossi

Questi i 3 giocatori migliori e peggiori del 14^ turno di Serie A, tra conferme e sorprese

TOP

ROBERTO INGLESE

Protagonista assoluto della rimonta del Chievo nell’anticipo di sabato contro la Spal. Doppietta per lui, che raggiunge quota 6 gol in tredici presenze. La punta clivense è il vero e proprio trascinatore della squadra di Maran. Con Birsa evidentemente fuori forma e l’infortunio di Castro, è l’indiscusso leader dello spogliatoio. L’obiettivo personale, oltre alla solita salvezza tranquilla del Chievo è quello di battere il record personale di dieci gol stabilito l’anno scorso. Intanto mister Maran spera che il Napoli – proprietario del cartellino – non glielo porti via nel mercato di gennaio. VOTO 7,5 (+6)

MAURO ICARDI

Ormai è un abitudinario della nostra rubrica. Il centravanti dell’Inter ha raggiunto Ciro Immobile in testa alla classifica cannonieri con 15 gol all’attivo. Adesso Icardi punta al sorpasso. Non solo quello per diventare il bomber più prolifico della Serie A ma anche con la sua Inter nei confronti del Napoli. Soprattutto nelle ultime due stagioni ha dimostrato di essere molto più uomo squadra che centravanti egoista come era apparso a inizio carriera. La sua crescita anche da questo punti di vista ha fatto sì che l’Inter al momento sia la seconda forza del campionato. E se il Napoli dovesse inciampare contro la Juve… VOTO 8 (+6)

SIMONE VERDI

Periodo di forma straripante per il giovane attaccante del Bologna. Un gol e un assist per lui nella super vittoria del Bologna ai danni della Sampdoria. Donadoni si gode il suo gioiello che sembra davvero crescere domenica dopo domenica. Un nome importante per il nostro movimento anche in chiave nazionale. I tifosi del Bologna intanto continuano ad esaltarsi per una stagione che li vede stabilmente nella parte sinistra della classifica. VOTO 7,5 (+4)

FLOP

DANIELE DE ROSSI

Una sciocchezza costata due punti. Così è riassumibile la domenica di Daniele De Rossi. Uno “schiaffo” a Lapadula che ha fatto si che l’arbitro Giacomelli tirasse fuori il cartellino rosso, oltre che a fischiare il rigore a favore del Genoa. De Rossi non è nuovo a questo tipo di episodi – ricordiamo quello che lo tenne fuori per 3 partite del Mondiale 2006 – e nonostante la maturità calcistica acquisita delle volte cade in questi scivoloni disastrosi. Il capitano giallorosso ha prontamente chiesto scusa a compagni ed allenatore. Ma il danno ormai è fatto e la Roma – che aveva sbloccato una partita difficile a Marassi – ha perso due punti fondamentali per la sfida Scudetto. VOTO 4 (-1)

VASILIS TOROSIDIS

La sua espulsione per fortuna della sua squadra non è costata nulla a livello di risultato. Ma il secondo giallo preso prima della fine del tempo –  sul punteggio di 2-0 – è un ingenuità che non ci si aspetta da un calciatore della sua esperienza. Il Bologna – come accennato prima – ha comunque reagito all’inferiorità numerica, sapendo contenere gli attacchi della Sampdoria e addirittura a segnare il terzo gol. VOTO 5 (-1)

EMILIANO VIVIANO 

Tre gol subiti, per colpa di sue disattenzioni e non solo, fanno sì che il portiere blucerchiato si prenda di prepotenza un posto nella nostra rubrica. Da un portiere di livello come lui ci si aspetta che sia decisivo, come lo è stato finora dopotutto. Ma un passaggio a vuoto capita anche ai migliori. Stavolta è toccato a lui che dopo l’infortunio di inizio stagione si è ripreso di prepotenza il posto da titolare. Sicuramente sarà solo un caso e da domenica prossima torneremo ad esultare per la sue prodezze. VOTO 5 (-3)

 

 

fonte foto: twitter.com/ACChievoVerona