Genoa, Ballardini arrivato in città: “La mia missione è il bene dei tifosi. Ci possiamo salvare”

Genoa, Ballardini arrivato in città: “La mia missione è il bene dei tifosi. Ci possiamo salvare”

Il neotecnico rossoblu, per il quale manca solo l’ufficialità, parla già della squadra e delle possibilità di salvezza

Davide Ballardini e il Genoa, atto terzo. Il tecnico di Ravenna torna ad allenare i rossoblu dopo le due esperienze nel 2010-2011 e nel 2013, con altrettante salvezze conquistate. L’allenatore è arrivato pochi minuti fa al centro sportivo del grifone e si dice pronto a sostituire Juric:La mia missione è quella di fare il bene innanzitutto della società, ma soprattutto dei tifosi e di tutta la gente che vuole bene a questo Genoa – ha spiegato ai giornalisti presenti a Pegli- Ho scelto Genova per loro, per l’ambiente, per la squadra e per tutta la società. Grazie a tutti i tifosi che ci staranno vicino e forza Genoa“.

L’eredità lasciata da Juric è pesante: 6 punti in 12 giornate, penultimo posto e una squadra incapace di vincere nonostante delle prestazioni oggettivamente di qualità superiore a quello che racconta la classifica. Proprio per questo Ballardini, pronto a firmare un contratto fino al 2018 con opzione di rinnovo in caso di salvezza, sembra fiducioso: “Non so se ci salveremo, quello che so è che questa squadra ha tutte le qualità per riuscirci. I valori ci sono e sono importanti”.


💊Pillola di Fanta

Per la terza volta Ballardini si siede sulla panchina del Genoa da subentrante (così come gli è praticamente sempre successo nella sua storia da allenatore): nel 2010, sempre a novembre, aveva rilevato il posto lasciato vacante da Gasperini, conquistando una quasi insperata salvezza. Nel 2013, invece, a gennaio gli fece spazio Delneri (a sua volta successore di De Canio) e anche in quel caso l’obiettivo della permanenza in Serie A fu raggiunto non senza difficoltà. Preziosi spera di poter vedere il tecnico portare il Genoa fuori dalla zona rossa.  NON C’È DUE SENZA TRE?