Cassano spara a zero: “Allegri meglio di Sarri. Dybala come Messi? Rido”

Cassano spara a zero: “Allegri meglio di Sarri. Dybala come Messi? Rido”

Il talento barese avverte tutti di non essere ancora finito, e poi spara a zero su tutti: da Dybala a Sarri, da Bonucci a Balotelli

Anche quando non gioca, continua a far parlare di sé. Antonio Cassano è attualmente senza squadra, ma lui non se ne dispera. “Sono un calciatore perché mi alleno tutti i giorni, semplicemente non è ancora arrivata l’offerta giusta. Molti credono che io sia finito ma non è vero: peso 85 chili, che sono esattamente quelli di quando sono andato al mondiale in Brasile” – esordisce FantaAntonio ai microfoni del “Corriere dello Sport”, che poi continua – “Non intendo andare a svernare in India o in Usa come Del Piero o Pirlo: per uno come me sarebbe una perdita di tempo. Io ho bisogno di competitività e di fare un’esperienza che mi stimoli. Con il mio carattere lì mollerei dopo due giorni. E poi, in Serie A posso ancora fare la differenza“.

L’ex talento della Sampdoria ne ha quindi per tutti, da ex colleghi ad ex allenatori. “Totti ha sbagliato a smettere. In questo momento di difficoltà di Dzeko, al suo posto avrei messo Francesco anziché Schick. Non lo vedo assolutamente nel ruolo di dirigente: mi sembra triste, ma comunque imparerà col tempo” – spiega Cassano, che poi si sofferma sul testa a testa in campionato e sui rispettivi tecnici – “Vincerà ancora la Juventus, e a mani basse. Ha una rosa troppo più forte, e poi ha un vero e proprio fenomeno in panchina. Allegri è un allenatore vero, che non fa interviste e polemiche, lui le cose le dimostra sul campo: porta a casa punti e scudetti. Sarri non è al suo livello. Fa solo giocare bene ottimi giocatori, ma gestire i campioni è tutta un’altra cosa. Fare risultati come Allegri, Mourinho, Guardiola, Ancelotti e Capello è molto più complicato. Non mi piacerebbe esser allenato da Sarri“.

L’ex giocatore del Real Madrid però non si ferma, e spara a zero anche su alcuni calciatori. “Dybala è un ottimo giocatore, ma non è un campione. Quando era al top l’anno scorso e lo paragonavano a Messi, io ridevo. Gli unici tre campioni che ha la Serie A sono Higuain, Pjanic e Buffon. Bonucci invece è solo un buon giocatore. Alla Juventus è diventato forte perché di lato aveva due mostri come Barzagli e Chiellini, dietro Buffon e davanti Pirlo. Se si attacca per 80 minuti e lui deve solo impostare allora è molto bravo, ma al Milan devi sempre difendere e fare l’uno contro uno: con tanto campo alle spalle diventa durissima. I buoni giocatori a San Siro si c….o sotto” – tuona Cassano, che infine conclude su un ex compagno di nazionale – “Qualche mese fa ho detto che Balotelli è un ottimo giocatore, ma non un fuoriclasse. Così, mentre ero in ritiro a Verona quest’estate mi ha chiamato e mi ha chiesto spiegazioni. Io gli ho risposto ‘Chi c… sei? Io ho detto la verità, ovvero che sei un ottimo giocatore. Se ti vuoi offendere, offenditi pure’“.

Consulta anche:

IL TABELLONE DEL CALCIOMERCATO INVERNALE DI TUTTE LE 20 SQUADRE DI SERIE A


💊 Pillola di Fanta

Sempre il solito Cassano. Aveva il talento dei grandi, ma si è buttato via come uno dei più piccoli. Poteva fare qualcosa di importante sia a Roma che a Madrid, ma ha sprecato tutto. E quando ha capito di aver commesso degli errori, con la maglia della Sampdoria e della nazionale non è più stato in grado di correggerli. Adesso cerca squadra, ma la verità è che sono pochi i presidenti che hanno il coraggio di aggiudicarsi questo “fardello”. Si guardi cos’è successo a Verona. FANTANTONIO

 

Fonte foto: www.imagephotoagency.it