Sampdoria-Roma, Giampaolo: “Mi sono divertito. Praet? Dispiace, è unico”

Sampdoria-Roma, Giampaolo: “Mi sono divertito. Praet? Dispiace, è unico”

Il tecnico blucerchiato analizza il pareggio casalingo contro i giallorossi di Di Francesco

Dopo la vittoria contro la Fiorentina, la Sampdoria non riesce a ripetersi in casa contro la Roma. Termina infatti in pareggio al Ferraris il recupero della 3^ giornata del girone d’andata. “Io mi sono divertito. Quando si gioca la palla e si cerca di proporre calcio, vengono fuori belle partite. Vogliamo sempre condurre in una partita, e per questo ci impegniamo sempre al massimo – esordisce Marco Giampaolo ai microfoni di “Sky Sport” nel postpartita, che poi continua – All’inizio abbiamo perso qualche pallone, e ci sono uscite delle giocate poco pulite. I ragazzi comunque sono stati straordinari. Sono davvero fortunato ad essere in questa squadra“.

Il tecnico blucerchiato si sofferma poi sui giocatori usciti dal campo con dei problemi fisici. “Quagliarella non ha niente, ha avuto solo un indurimento muscolare ed è uscito per precauzione. All’intervallo aveva detto che avrebbe giocato altri dieci minuti: è stato bravo a capire subito la situazione. Ciò che mi preoccupa di più invece è Praet. Non so se ci muoveremo sul mercato, ma il ragazzo è insostituibile. Ha le caratteristiche di Zielinski: ha corsa, qualità, quantità, dribbling. Ne avrà almeno per un mese. Di sicuro per domenica dovrò fare delle valutazioni anche su altri: ci dormiamo sopra e aspettiamo domani il responso dei dottori – spiega Giampaolo, che infine conclude sul suo ex pupillo – Non so se Schick potrà sostituire Dzeko come attaccante titolare della Roma, ma è un ragazzo davvero forte. Ha il talento per diventare uno dei migliori“.

Consulta anche:

LE PAROLE NEL POSTPARTITA DI EUSEBIO DI FRANCESCO

LE PAGELLE DI SAMPDORIA-ROMA


💊 Pillola di Fanta

Continua a stupire la Sampdoria. Dopo la vittoria contro la Fiorentina, altro punto importante contro la Roma. Al momento, i liguri sono 6^ in classifica a +3 dal Milan. La Doria rimane con i piedi per terra, ma sotto sotto sa perfettamente di avere tutte le carte in regola per qualificarsi per l’Europa League. OBIETTIVO