Real Madrid contro Psg, il vecchio contro il nuovo. Neymar all’esame Ronaldo

Real Madrid contro Psg, il vecchio contro il nuovo. Neymar all’esame Ronaldo

La sfida tra i madrileni e i parigini mette di fronte il classico contro l’emergente: il Real e Ronaldo da una parte, il Psg e Neymar dall’altra

Santiago Bernabeu, ore 20.45, Real Madrid-Paris Saint Germain. La capitale della Spagna e quella della Francia si sfidano in quella che non può che essere considerata una finale anticipata. Perché da una parte ci sono due Champions vinte negli ultimi due anni, dall’altra più di 400 milioni spesi in estate sul mercato. Perché da una parte ci sono Ronaldo-Bale-Benzema, dall’altra Neymar-Cavani-Mbappé. Non c’è dubbio che quella tra i blancos ed i transalpini sia la sfida più affascinante tra tutte quelle che compongono gli ottavi di finale. Ma non solamente per la qualità degli uomini che scenderanno sul campo di gioco. Real Madrid contro Psg è il vecchio contro il nuovo.

Il vecchio Ronaldo contro il nuovo Neymar, per esempio. 23 gol stagionali per il portoghese in 28 presenze, numeri inferiori a quelli del brasiliano che ha trovato la via della rete per 28 volte nelle 27 gare disputate. Impressiona soprattutto la differenza nel numero di assist: cinque per il madrileno, ben 16 per il parigino. Almeno a vedere questi numeri il sorpasso dell’ex Barca c’è già stato. Il numero 7 di Zidane ha però nella Champions League il suo habitat naturale: nove reti nella fase a gironi, contro le “sole” sei del giocatore sudamericano. Il match di stasera sarà molto importante per i due. Ronaldo vuole dimostrare che sul palcoscenico più importante il trono è ancora suo. Neymar invece può fare un passo decisivo per diventare il miglior giocatore al mondo, obiettivo che lo ha spinto a scegliere Parigi.

Ma al di là della sfida tra Ronaldo e Neymar, gli stessi Real e Psg possono essere visti come il vecchio ed il nuovo. Il club spagnolo è forse la più importante squadra nella storia del calcio. 25 trofei internazionali vinti nella propria storia, cinque in più della seconda piazzata in questa semplice classifica, l’Al Ahly. Difficile trovare una persona al mondo che non conosca il Real Madrid. Il Paris Saint Germain è invece una squadra “giovane”. Nata nel 1970, prima dell’arrivo degli emiri aveva vinto solamente due titoli di Francia. Il piazzamento migliore nella Champions League è arrivato quando questa ancora si chiamava Coppa dei Campioni, una semifinale nel 1994-1995.

Ecco che allora quello di stasera non è un semplice ottavo di finale, ma può rappresentare per il calcio europeo una nuova epoca. Si potrebbe passare dal vecchio Ronaldo al nuovo Neymar, ma soprattutto dal vecchio Real al nuovo Psg. Oppure potrebbe semplicemente sancire che, per questi passaggi di testimone, è ancora troppo presto.