Italia, Gentile: “Di Biagio ha già fallito in under 21. Buffon? Meglio i giovani”

Italia, Gentile: “Di Biagio ha già fallito in under 21. Buffon? Meglio i giovani”

L’ex ct dell’under 21 ci va giù pesante sulla nuova nazionale maggiore che si sta formando, partendo dalla guida tecnica fino ad arrivare al capitano

Venerdì l’Italia scenderà in campo, all’Etihad Stadium di Manchester, per la prima delle due amichevoli in programma: di fronte ci sarà l’Argentina di Jorge Sampaoli. Sarà la prima partita sulla panchina della nazionale maggiore per Luigi Di Biagio, che ha il duro compito di riportare entusiasmo e passione attorno alla squadra. “Se si continua a promuovere chi sbaglia e a mandar via quelli che vincono, allora significa che c’è qualcosa che non va – esordisce ai microfoni di “Radio Sportiva” Claudio Gentile, che poi continua – Di Biagio ha già fallito in under 21, non credo possa esser l’uomo giusto per stare sulla panchina della nazionale A. Aveva detto agli Europei che quella era la selezione più forte degli ultimi 20 anni, ma anche con 6 giocatori della nazionale maggiore non è riuscito a vincere: non ha le stesse credenziali dei suoi predecessori. Penso vada bene solo come traghettatore“.

L’ex ct dell’under 21 si sofferma poi sui singoli giocatori. “Se vogliamo impostare una nazionale sul futuro, allora dobbiamo dar spazio ai giovani. I ragazzi hanno bisogno di giocare e di fare esperienza internazionale. Credo che Buffon abbia segnato un’epoca, ma non si può puntare su di lui per un progetto a lungo termine. Le cose vanno ricostruite, e non bisogna fare affidamento su giocatori delle qualificazioni: non meritano di indossare la maglia azzurra – spiega Gentile, che infine conclude – Sarebbe meglio scommette su calciatori in prospettiva, ad esempio uno come Cutrone. Mi piace molto, si sa muovere ed ha fiuto del gol. Può sicuramente essere uno da cui ripartire“.

Consulta anche:

TUTTO SU ITALIA-ARGENTINA: ORARIO, PROBABILI FORMAZIONI E DOVE VEDERLA

I CONVOCATI DI LUIGI DI BIAGIO


💊 Pillola di Fanta

Di Biagio sa benissimo di non avere il curriculum di tanti suoi predecessori, ma ha la voglia ed il carisma per fare bene. Già da venerdì sera avrà la possibilità di dimostrare a tutti – ma prima di tutto a sé stesso – di essere all’altezza. Profili come Conte e Mancini sono sicuramente avanti a lui, ma se giocatori e prestazioni dovessero esser dalla sua, Di Biagio potrebbe essere riconfermato. ESORDIO