Roma, sfumato il riscatto obbligatorio di Jonathan Silva

Roma, sfumato il riscatto obbligatorio di Jonathan Silva

Cade l’obbligo di riscatto a 5 milioni di euro per Jonathan Silva, che sarebbe scattato al raggiungimento delle 10 presenze in maglia giallorossa

Arrivato sul gong del mercato di gennaio, Jonathan Silva finora non ha disputato nemmeno un minuto con la maglia della Roma. Frenato dal lungo infortunio che lo ha tenuto lontano dai campi di gioco per diversi mesi, è stato convocato per la prima volta da Di Francesco contro il Milan; poco meno di un mese dopo, quindi, il suo approdo in giallorosso. Da quel giorno quattro panchine consecutive contro Napoli, Torino e Crotone.

Il giocatore è arrivato dallo Sporting Club in prestito con diritto di riscatto, che si sarebbe trasformato in obbligo – fissato a 5 milioni di euro – al raggiungimento delle 10 presenze in maglia giallorossa. In Champions League, non può giocare, avendola già disputata coi portoghesi ed in campionato mancano solo 9 partite al termine. A questo punto, l’obbligo di riscatto per Silva decade del tutto e Monchi potrà decidere in completa libertà se riscattare l’argentino al termine della stagione e a quale prezzo.

Molto però dipenderà da Di Francesco se gli darà modo di dimostrare le sue qualità, facendo finalmente rifiatare lo stacanovista Kolarov.

Consulta anche:

Tutte le notizie di calciomercato

💊 Pillola di Fanta

A Bologna potrebbe veramente scoccare la sua ora: in previsione della successiva partita col Barcellona, dove Kolarov è l’unico che può giocare sulla sinistra, Di Francesco potrebbe optare di nuovo per il turnover ben riuscito a Crotone. E Silva è pronto da tempo a giocare dal 1′. NOVITÀ