Coppa Italia, le decisioni del giudice sportivo dopo la finale: squalificato Calabria

Coppa Italia, le decisioni del giudice sportivo dopo la finale: squalificato Calabria

I provvedimenti disciplinari presi dal Giudice sportivo dopo la finale di Coppa Italia tra Juventus e Milan: squalificato il solo Davide Calabria

Dopo la finale di Coppa Italia tra Juventus e Milan, vinta per 4-0 dai bianconeri, sono stati resi noti dalla Lega i verdetti del Giudice sportivo. Un solo squalificato, il terzino dei rossoneri Davide Calabria, che era già diffidato.

Ecco il comunicato del giudice sportivo

Il Giudice sportivo, premesso che in occasione delle gare disputate nel corso della finale di Tim Cup sostenitori delle Società Juventus e Milan hanno, in violazione della normativa di cui all’art. 12 comma 3 CGS, introdotto nell’impianto sportivo ed utilizzato esclusivamente nel proprio settore materiale pirotecnico di vario genere (petardi, fumogeni e bengala); considerato che nei confronti delle Società di cui alla premessa ricorrono congiuntamente le circostanze di cui all’art. 13, comma 1. lett. a) b) ed e) CGS, con efficacia esimente, delibera di non adottare provvedimenti sanzionatori nei confronti delle Società di cui alla premessa in ordine al comportamento dei loro sostenitori. ”

Calciatori non espulsi – Squalifica per una giornata effettiva di gara

CALABRIA Davide (Milan): per comportamento scorretto nei confronti di un avversario; già diffidato (Seconda sanzione).

Calciatori diffidati 

COSTA DE SOUZA Douglas (Juventus)