Nazionale, Jorginho: “Con Mancini stiamo prendendo un’identità. Mercato? Per ora non ci penso”

Nazionale, Jorginho: “Con Mancini stiamo prendendo un’identità. Mercato? Per ora non ci penso”

In vista dell’amichevole contro la Francia, il centrocampista dell’Italia e del Napoli Jorginho ha parlato in conferenza stampa

Dopo il debutto vincente contro l’Arabia Saudita, l’Italia si appresta a preparare la seconda delle tre amichevoli in calendario, quella contro la Francia in programma per venerdì sera. In vista del match contro i francesi – in conferenza stampa – ha parlato il centrocampista del Napoli Jorginho: “Il ct è arrivato e ci sta già dando qualcosa in più. Stiamo prendendo un’identità precisa e dobbiamo continuare su questa strada. Non so se sono indispensabile, dovete chiedere al mister. Se siamo più uniti? Penso di sì. Siamo ripartiti con tanti giovani e il gruppo è importantissimo per una squadra. Stiamo iniziando un discorso e dobbiamo stare bene tra di noi. Contro la Francia partita bella da giocare e diversa rispetto a quella con l’Arabia Saudita“.

Mancini gli ha subito dimostrato fiducia: “Cerco di ripagare la fiducia che il ct mi sta dando. Voglio dare tutto quello che ho, giocando tranquillo e sereno. Mancini vuole che tutti giochino a calcio e la squadra deve essere sempre corta, sia in pressing che quando aspettiamo gli avversari. Cerchiamo di fare ciò che ci chiede“.

Si ritorna dunque alla gara contro la Svezia e ai Mondiali di Russia 2018: “Cosa è successo? Quello che abbiamo visto tutti. Non siamo riusciti a vincere e siamo fuori dal Mondiale ma non dobbiamo più pensarci perché non serve. Dobbiamo voltare pagina e ripartire. Per chi tifo ai Mondiali? Sicuramente per il Brasile“.

Si passa al capitolo club, con il cambio sulla panchina del Napoli tra Sarri e Ancelotti: “Ancelotti è stata una sorpresa per tutti ed è stato un gran colpo. Dobbiamo dare grandi meriti a mister Sarri per ciò che ha fatto in questi anni e adesso il neo allenatore dovrà continuare la strada cercando di migliorare ancora. Sarri? Venivo da un anno difficile con Benitez e il mister mi ha aiutato tanto. Devo ringraziarlo e gli faccio il mio in bocca al lupo“.

Come dichiarato dal suo agente, c’è la possibilità che Jorginho lasci il Napoli in estate, per ora però la testa del centrocampista è alla Nazionale: “Mercato? Non ci penso adesso, sono concentrato solo sulle prossime due partite dell’Italia. Se l’arrivo di Ancelotti può influire sul mio futuro? Ho sentito solo grandi cose di lui ed è normale che il pensiero di essere allenato da lui ci sia, ma non ci siamo ancora sentiti“.

Oltre a lui, c’è il rischio che anche altri calciatori lascino i partenopei: “Paura è una parola grossa. Il pensiero c’è perché il nostro è un grande gruppo fatto di persone che vogliono fare e dare sempre il massimo. L’importante sarà sostituire i partenti nel migliore dei modi“.

Nazionali, tutto su Francia-Italia: orario, probabili formazioni e dove vederla

💊 Pillola di Fanta 

Quella contro l’Arabia Saudita è stata la sesta presenza in assoluto di Jorginho con la maglia dell’Italia. Dal passaggio in Nazionale maggiore nel marzo del 2016, l’italo-brasiliano infatti non è stato sempre convocato. Nelle sei presenze totalizzate finora, per lui nessun bonus ancora. OCCASIONE