Serie A, tutti i numeri della stagione 2017/2018

Serie A, tutti i numeri della stagione 2017/2018

La Lazio segna tanto e diverte. La Juventus vince e il Napoli comanda il gioco con il possesso palla. Il Sassuolo segna poco e sbaglia molti rigori. All’Inter lo scudetto del tifo. Ecco tutti i numeri della Serie A 2017/18

Il 20 maggio 2018 con il fischio finale dell’arbitro Rocchi in Lazio-Inter si è conclusa la 116^ edizione della Serie A, l’86^ a girone unico. Se l’è aggiudicata la Juventus che ha messo in bacheca il 34esimo scudetto, il settimo consecutivo. Il campionato di calcio porta con se molti numeri. Vediamo allora tutti i numeri di questa Serie A.

Eddy Salcedo entra nella storia

Eddy Salcedo, attaccante classe 2001 del Genoa, è il giocatore più giovane ad aver giocato una partita di Serie A quest’anno. Ha debuttato durante Sassuolo-Genoa, 0-0 il risultato finale, del 20 agosto, a soli 15 anni, 10 mesi e 20 giorni. Potrebbe essere suo padre Albano Bizzarri, portiere dell’Udinese, che il 20 maggio, scendendo in campo nella partita Udinese-Bologna, è diventato il calciatore più anziano ad aver giocato in questo campionato: 40 anni, sei mesi e 11 giorni l’età del portiere argentino.

Gli stakanovisti: da Skriniar ad Handanovic, i sette sempre in campo

Gli allenatori non hanno mai rinunciato a loro e, in alcuni casi, neanche il cambio di panchina ha fatto sì che uscissero un minuto dal campo. Sono Skriniar e Handanovic dell’Inter, Acerbi del Sassuolo, Cordaz del Crotone, Sorrentino del Chievo, Donnarumma del Milan e Strakosha della Lazio gli unici ad aver giocato tutti i 3420 minuti del campionato.

Con la Lazio divertimento assicurato, col Sassuolo meno. La Juventus si conferma granitica

La Lazio è la squadra che quest’anno ha segnato più gol in stagione, ben 89, lasciando al secondo posto la Juventus con 86 gol fatti, e al terzo posto il Napoli con 77. Se la Lazio ha fatto divertire i suoi tifosi e non solo, di certo non si può dire lo stesso del Sassuolo, che conclude l’annata con 29 reti in 38 partite. La Juventus si conferma una squadra impenetrabile finendo la stagione con soli 24 gol subiti. La peggior difesa è, invece, quella del Benevento con 84 reti al passivo. Secondo e terzo posto per Verona, con 78 gol subiti, e Crotone con 66.

Apre Mandzukic, chiude Vecino: tanti gol e il trono dei bomber condiviso

Già nella stagione 2014/2015 la classifica dei cannonieri vide un ex aequo in testa, con Icardi e Toni che la vinsero con 22 gol. Quest’anno al primo posto a far compagnia ad Icardi a quota 29 c’è Ciro Immobile. I due hanno segnato 58 dei 1017 gol totali segnati quest’anno in Serie A.

Il primo gol della stagione 2017/18 di Serie A è stato segnato da Mario Mandzukic al 12′ minuto di Juventus-Cagliari 3-0 del 19 agosto. L’ultimo porta la firma di Matias Vecino al minuto 81 di Lazio-Inter 2-3 del 20 maggio. Il traguardo dei 1000 è stato raggiunto anche grazie alle partite Udinese-Juventus 2-6 e Lazio-Benevento 6-2; ovvero quelle con più reti realizzate.

Delle 1017 marcature, otto sono state fatte nella porta sbagliata da Samir, Vicari, Zukanovic e Cesar, tutti a quota due autogol.

Le squadre con più gol fatti e subiti della stagione 2017/2018

Luis Alberto re degli assit-man

Non ci sarebbero stati più di 1000 gol senza l’apporto dei cinque migliori assist-man del campionato: Luis Alberto, Douglas Costa, Immobile, Gomez e Callejon. Lo spagnolo della Lazio guida la classifica con 14 assist. Secondo il bianconero con 11 e terzi, a pari merito, a quota 9 Immobile, Gomez e Callejon.

La SPAL la squadra più ammonita, il Milan guida le espulse

E’ della SPAL il primato dei cartellini gialli. 96 quelli collezionati dagli uomini di Semplici, che battono Bologna (90) e Verona (87). Squadra più corretta la Roma, che riceve solo 45 ammonizioni. In testa alla classifica delle espulse si trovano Milan, Lazio, Benevento e Sassuolo che per ben sette volte hanno giocato con un uomo in meno.

Barella tanta grinta…forse troppa

E’ il centrocampista del Cagliari l’uomo più ammonito della Serie A: 13 sono i cartellini gialli del talento rossoblù. Secondi in questa speciale classifica Pezzela, Rincon e Schiattarella a 12 e Fares, Baselli e Cigarini a 11. Il giocatore più espulso della stagione è stato Bruno Zuculini, a cui metà campionato al Verona è bastata per rimediare tre cartellini rossi.

Lazio di rigore, sfortunate Benevento e SPAL. Ai calciatori del Sassuolo tremano le gambe

I biancocelesti sono coloro a cui sono stati concessi più rigori: 11, di cui nove segnati e due sbagliati. Al secondo posto il Sassuolo, che su 10 ne ha sbagliati sei e terzo il Napoli, che su otto rigori assegnati ne ha segnati 6. Il Benevento è la squadra che ha commesso più falli in area: per 13 volte gli avversari dei sanniti hanno usufruito di un calcio di rigore. Seguono la SPAL con 12 rigori subiti e il Cagliari con 10. 

Con 6 rigori sbagliati il Sassuolo è la squadra che ha fallito più tiri dal dischetto. Due errori a testa per Politano, Matri e Berardi. A loro, a quota due, si aggiungono Belotti, Dybala e Perotti.

Consulta anche: i giocatori più pagati della Serie A 2017/18

Il Napoli di Sarri ama comandare il gioco

Il Napoli è stata la squadra con più possesso palla della Serie A 2017/18. I partenopei hanno avuto un possesso palla medio del 60,3%, davanti a Roma e Juventus, seconde con il 56% di possesso. La gestione della palla non è stata fine a se stessa perchè la banda di Sarri è anche stata la squadra che ha tirato più di tutte: 17,3 i tiri a partita degli azzurri. Sempre dal desiderio di imporre il gioco nasce l’altro record del Napoli. La squadra di De Laurentiis, anche in svantaggio, tenta sempre di fare la partita senza farsi intimorire; è stata infatti quella che ha rimediato più punti da situazioni di svantaggio: 28.

La Juventus sa solo vincere. Il Benevento paga l’inesperienza

E’ della Juventus il primato di vittorie: per 30 volte i bianconeri hanno portato a casa i tre punti. Oltre che nella classifica dei punti, il Benevento chiude ultimo anche nella classifica delle vittorie: solo sei i successi dei sanniti, che pagano, probabilmente l’inesperienza. I giallorossi sono anche quelli che hanno perso di più in stagione: 29 le sconfitte.

Juventus e Napoli non hanno quasi mai perso: solo tre volte sono uscite dal campo senza punti. Record di pareggi per il Torino, che per 15 volte si è diviso equamente la posta con l’altra squadra.

Un esonero ogni due squadre

In questo campionato sono stati 10 gli allenatori che sono stati allontanati dalle proprie panchine. L’Udinese ne ha esonerati due: Del Neri e Oddo. Esonerati anche Montella dal Milan, Baroni dal Benevento, Rastelli dal Cagliari, Mihajilovic dal Torino, Maran dal Chievo, Juric dal Genoa e Nicola dal Crotone.

Il tifo dell’Inter resta impareggiabile

I tifosi nerazzurri per l’ottavo anno consecutivo sono quelli più presenti alle partite in casa. L’Inter chiude il campionato con una media-spettatori di 57529; secondo posto per il Milan con 52690 presenze di media e terzo posto per il Napoli che chiude con 43050 di media-spettatori. La gara con più spettatori ed incassi è stata Inter-Juventus del 28 aprile. 78328 tifosi e un incasso di 5297508 di euro.

Spettatori Serie A 2017/18: i numeri di tutte le squadre