Mondiali di Russia 2018, la scheda dell’Australia: il cambio in panchina la rende imprevedibile

Mondiali di Russia 2018, la scheda dell’Australia: il cambio in panchina la rende imprevedibile

Al quarto mondiale di fila, gli aussies proveranno a bissare il passaggio del turno riuscito nel 2006. Tutto sull’Australia: la rosa, la formazione tipo e i consigli per il fantamondiale

Quella di Russia 2018 sarà la quarta partecipazione consecutiva ai Mondiali per l’Australia, che prima del 2006 era riuscita a qualificarsi soltanto nel 1974. L’obiettivo sarà probabilmente quello di raggiungere la fase ad eliminazione diretta, a cui i Socceroos hanno preso parte soltanto nel 2006, quando furono estromessi con il rigore di Totti proprio dall’Italia poi campione del Mondo.

È stata probabilmente più difficile del previsto la qualificazione dell’Australia per questo Mondiale. Parte dell’AFC (Asian Football Confederation) ormai dal 2006, la Nazionale oceanica ha dominato senza problemi la seconda fase di qualificazione, trovandosi però in difficoltà nella successiva, quando si è posizionata al terzo posto del suo girone dietro a Giappone ed Arabia Saudita (per differenza reti). Nel secondo tempo supplementare dello spareggio tra terze classificate contro la Siria è finalmente giunta – grazie al gol del sempreverde Tim Cahill – la qualificazione ai playoff contro l’Honduras, poi vinti grazie a una tripletta di Jedinak nella gara di ritorno.

Ecco la scheda con tutto quello che c’è da sapere sull’Australia per i mondiali di Russia 2018: la rosa dei convocati, la formazione tipo, il calendario della prima fase e i consigli per il fantamondiale.

La rosa dell’Australia

Questa la rosa dei 23 convocati a disposizione del commissario tecnico Bert Van Marwijk. L’unica vecchia conoscenza del calcio italiano è il difensore Sainsbury, 19 minuti di gioco in sei mesi all’Inter, mentre i nomi più noti appartengono al portiere Ryan, a capitan Jedinak e al sempreverde Cahill:

Portieri: Ryan, Jones, Vukovic;

Difensori: Sainsbury, Behich, Degenek, Risdon, Jurman, Meredith;

Centrocampisti: Jedinak, Milligan, Rogic, Luongo, Mooy, Irvine, Petratos, Arzani;

Attaccanti: Cahill, Kruse, Leckie, Juric, Nabbout, Maclaren.

Tutto sui mondiali di Russia 2018

La stella

Che parta dal primo minuto o sieda in panchina, la stella dell’Australia ai Mondiali è ormai da dodici anni Tim Cahill. Nonostante la non perfetta forma fisica dovuta ai soli 63’ concessigli dal Millwall, squadra che lo aveva iniziato al grande calcio europeo e che il 38enne aveva deciso di sposare nuovamente a gennaio, Cahill sarà senz’altro il giocatore dei Socceroos più temuto dalle retroguardie avversarie, anche a causa della sua grande abilità nel gioco aereo. D’altronde, l’attaccante ha segnato 50 gol nella propria carriera in Nazionale, diventando il più prolifico giocatore della sua storia. Nonostante le polemiche riguardo la sua convocazione (che si insinua esser legata più allo sponsor che alle prestazioni), Cahill è riuscito ad entrare nei 23 selezionati dal commissario tecnico. Il suo rendimento al mondiale è imprevedibile, la sua fama è però troppa per cedere il posto di “stella” ad un compagno.

La formazione tipo

Dopo aver giocato la maggior parte della gare di qualificazione con la difesa a 3, dall’avvicendamento sulla panchina e dall’arrivo di Van Marwijk, l’Australia è scesa in campo per quattro amichevoli, spesso con il 4-2-3-1. Dato il breve trascorso del ct con la Nazionale, però, è difficile poter prevedere con esattezza quali saranno le sue mosse per la competizione in partenza il prossimo 14/6.

Australia (4-2-3-1): Ryan; Risdon, Sainsbury, Milligan, Behic; Jedinak, Mooy; Leckie, Rogic, Kruse; Nabbout. All. Van Marwijk

Il calendario dell’Australia

Inserita nel Gruppo C assieme a Francia, Danimarca e Perù, l’Australia esordirà in questa competizione sabato 16 giugno alle ore 12:00 italiane contro i Bleus. Ecco il calendario completo e la programmazione tv della prima fase.

16 giugno ore 12:00 Francia-Australia (Italia 1)

21 giugno ore 14:00 Danimarca-Australia (Italia 1)

26 giugno ore 16:00 Australia-Perù (Canale 20)

Dieci cose da sapere sui mondiali di Russia 2018

I giocatori consigliati per il Fantamondiale

  • Kruse: può giocare da esterno sinistro o da attaccante centrale. Quest’anno ha realizzato 6 reti con il Werder Brema, ma il suo marchio di fabbrica sono gli assist: 8 in Bundes nel 2017-18 e in media uno ogni due partite con la nazionale. Suo uno dei gol contro la Siria che hanno portato l’Australia a giocarsela con l’Honduras.
  • Mooy: il centrocampista dell’Huddersfield dovrà battere la concorrenza di Luongo a centrocampo, eppure potrebbe essere un buon colpo per i fantallenatori. Questa è la seconda stagione consecutiva in cui Mooy segna 4 reti tra Premier e Championship, non male per il centrocampista di una “piccola”. Nell’ultima stagione al Melbourne City, nel 2014-15, ha segnato 11 gol realizzando 10 assist. Centrocampista da bonus.
  • Behic: il terzino sinistro è consigliato principalmente perché viene dalla più prolifica stagione della sua carriera. In Turchia ha segnato infatti ben 5 gol con la maglia del suo Bursaspor, aggiungendo anche 2 assist alla conta dei bonus.

I giocatori sconsigliati per il Fantamondiale

  • Ryan: l’esser portiere di una nazionale che non parte coi favori del pronostico è già un fattore che può determinare la scelta. Sebbene sia stato al centro di voci di mercato la scorsa stagione per quanto mostrato di buono, Ryan quest’anno ha poi incassato 54 gol in 38 partite di Premier con il suo Brighton. Mette paura anche l’amichevole giocata contro la Colombia e persa subendo ben 4 reti.
  • Sainsbury: alcuni fantallenatori italiani lo ricorderanno sicuramente per i brevi trascorsi nell’Inter e magari vorranno prenderlo per simpatia. Il difensore però non segna dal 2016 e dal suo trasferimento al Lucerna ha collezionato 4 cartellini gialli in 9 presenze.
  • Cahill: a malincuore, il suo nome finisce tra gli sconsigliati per le aspettative che potrebbe creare nei fantallenatori. L’età si fa sentire e la condizione non è buona, avendo collezionato perlopiù panchine quest’anno. L’abilità nel colpo di testa potrà far comodo all’Australia nei minuti finali, ma il gioco potrebbe non valere la candela. Certo che se, dovesse fare il miracolo, i suoi fantallenatori potrebbero vantarsene a lungo.

La possibile sorpresa

  • Jedinak: il calciatore dell’Aston Villa non è il classico giocatore da fantacalcio. È un centrocampista non più giovane, roccioso, molto utile nel lavoro di distruzione, che prende qualche ammonizione di troppo. Jedinak però ha segnato 17 gol con i Socceroos e da tempo ne è ormai il rigorista designato. La tripletta siglata contro l’Honduras potrebbe poi averlo galvanizzato in vista del suo terzo mondiale.

LE FANTASCHEDE DI TUTTE LE SQUADRE DI RUSSIA 2018