Mondiali di Russia 2018, la scheda della Danimarca: Eriksen pronto a trascinare gli scandinavi

Mondiali di Russia 2018, la scheda della Danimarca: Eriksen pronto a trascinare gli scandinavi

Appena il quinto mondiale, ma le possibilità di passare il girone non sono basse. Tutto sulla Danimarca: la rosa, la formazione tipo e i consigli per il fantamondiale

Dopo aver mancato la qualificazione nel 2014 al Mondiale in Brasile, la Danimarca torna nella massima competizione per nazionali per la quinta volta nella storia. Nel 1998 il punto più alto ai mondiali coi quarti di finale, senza dimenticare gli europei vinti nel 1992 da ripescati, coi giocatori richiamati dalle vacanze. A Russia 2018, l’obiettivo minimo sarà il secondo posto nella prima fase, in un girone dove il primo è sulla carta assegnato alla Francia; con Australia e Perù arrivare agli ottavi non è impossibile.

Una qualificazione conquistata matematicamente all’ultima giornata, ma di fatto alla penultima grazie alla vittoria sul Montenegro – poi terzo – e alla conseguente maggior differenza reti. Gli uomini di Age Hareide hanno chiuso il girone E con 6 vittorie, 2 pareggi e 2 sconfitte, infliggendo anche un rotondo 4-0 alla Polonia capolista.

Ecco la scheda con tutto quello che c’è da sapere sulla Danimarca per i mondiali di Russia 2018: la rosa dei convocati, la formazione tipo, il calendario della prima fase e i consigli per il fantamondiale.

La rosa della Danimarca

Portieri: Schmeichel, Ronnow, Lossl

Difensori: Kjaer, M. Jorgensen, Stryger-Larsen, Knudsen, Vestergaard, Christensen, Dalsgaard

Centrocampisti: Kvist, Eriksen, Schone, Delaney, Sisto, Lerager, Krohn-Dehli

Attaccanti: N. Jorgensen, Y. Poulsen, Cornelius, Braithwaite, Fischer, Dolberg

Tutto sui mondiali di Russia 2018

La stella

In una per niente male Danimarca, la stella è senza dubbio Christian Eriksen. Il trequartista del Tottenham ha vissuto la sua miglior stagione dal punto di vista realizzativo: 14 reti, 13 assist e ben zero ammonizioni e/o espulsioni. Eriksen è un giocatore estremamente tecnico e può essere schierato in svariati ruoli: oltre che come trequartista, può giocare da mezzala o ala di un 4-2-3-1.

La formazione tipo

Il selezionatore della Nazionale danese, Age Hareide, alterna il 4-3-3 al 4-2-3-1 proprio per la duttilità di Eriksen e di conseguenza cambiano gli interpreti. In porta il titolare è Schmeichel e la difesa è sempre a 4: al centro capitan Kjaer al fianco di Christensen, ma attenzione a Vestergaard; a destra Stryger-Larsen, mentre a sinistra verrebbero dirottati Dalsgaard o Knudsen. A centrocampo i padroni sono Kvist e Delaney, con Schone pronto a subentrare, mentre sulla trequarti spadroneggia Eriksen, coadiuvato da Sisto sulla sinistra e Poulsen sulla destra. In avanti, Bendtner non ha recuperato dall’infortunio e non è stato convocato; il posto di centravanti se lo giocano Dolberg, Cornelius e Jorgensen, con quest’ultimo favorito.

Danimarca (4-2-3-1): Schmeichel; Stryger-Larsen, Kjær, Christensen, Dalsgaard; Kvist, Delaney; Poulsen, Eriksen, Sisto; Jorgensen. All. Hareide

Il calendario della Danimarca

La Danimarca è inserita nel Gruppo C con Francia, Australia e Perù. Esordirà il 16 giugno contro il Perù. Ecco il calendario completo e la programmazione tv della prima fase.

16 giugno ore 18:00 Perù-Danimarca (Italia 1)
21 giugno ore 14:00 Danimarca-Australia (Italia 1)
26 giugno ore 16:00 Danimarca-Francia (Italia 1)

10 cose da sapere sui mondiali di Russia 2018

I giocatori consigliati per il fantamondiale

  • Sisto: appena 5 reti in stagione col Celta Vigo, ma di mestiere fa l’ala destra e quindi ci si aspettano molti assist. Detto fatto: ben 10 cross vincenti per i suoi compagni di squadra e appena due ammonizioni subite, lo proiettano tra i giocatori consigliati per il fantamondiale. Il rapporto qualità-prezzo sarà ottimo.
  • N. Jorgensen: senza Bendtner infortunato, le sorti dell’attacco della Danimarca sono affidate a lui; troppo giovane Dolberg, non perfetto Cornelius. Il centravanti del Feyenoord ha segnato 13 reti in stagione di cui una al Napoli nell’ultima partita di Champions, l’unica vinta dagli olandesi. Per lui anche 3 assist, due ammonizioni e una sola espulsione. Numeri non da capogiro, ma con l’ex Juventus fuori dai giochi ha la sua grande chance.
  • Schmeichel: è un grande rischio consigliare un portiere nel girone della Francia, ma magari nell’ultima giornata lo potete tenere fuori a per un titolare migliore. Certo è che contro Perù e Australia può sicuramente dire la sua. L’estremo difensore, figlio d’arte, potrebbe essere al suo ultimo mondiale – nel 2022 avrà 35 anni – l’occasione per essere protagonista è grande.

I giocatori sconsigliati per il fantamondiale

  • Stryger-Larsen: stagione sotto le aspettative per Stryger-Larsen e neanche è sicuro che parta titolare. Certo è che all’Udinese ha giocato spesso come difensore centrale, mentre il suo ruolo è giocare sulla fascia destra. Una media voto di 5,76 e una sola rete e un assist non sono sufficienti per poter puntare su di lui.
  • Kvist: molto esperto, ma anche lui poco avvezzo ai bonus. In 78 presenze con la Danimarca, sono state appena 2 le reti messe a segno dal mediano del Copenaghen. A livello di club, inoltre, ha segnato appena una rete dal 2011 ad oggi. Meglio cercare centrocampisti più prolifici.
  • Cornelius: sconsigliati 2 giocatori di Serie A su 2; dopo Stryger-Larsen è la volta del centravanti dell’Atalanta. Troppo poche le 3 reti messe a segno in campionato nelle tante occasioni – 23 partite – concessegli da Gasperini. Aveva davanti Petagna – che non ha fatto meglio – ma si è fatto sfilare il posto da Barrow, che ha segnato tanto quanto lui. Inoltre, non è il primo nelle gerarchie del centravanti, nonostante la mancata convocazione di Bendtner; Andreas dovrà lavorare duro per essere il futuro della Danimarca, se non vuole farsi sfilare il posto da Dolberg e Poulsen.

La possibile sorpresa

  • Poulsen: potrebbe partire largo a destra sia nel 4-2-3-1 che nel 4-3-3. Non ha segnato tanto negli ultimi anni, ma il suo ruolo preferito è quello di punta centrale. Al Lipsia quest’anno ha siglato 5 reti e confezionato ben 9  assist. Non particolarmente esuberante, non rischia grossi malus: appena 3 ammonizioni – una per competizione – in tutta la stagione.

LE FANTASCHEDE DI TUTTE LE SQUADRE DI RUSSIA 2018