Calciomercato Milan, Badelj resta ancora un obiettivo per il centrocampo

Calciomercato Milan, Badelj resta ancora un obiettivo per il centrocampo

Il centrocampista ex Fiorentina, pur essendo promesso sposo dello Zenit San Pietroburgo, è seguito anche dai rossoneri e dal Lione

Il Milan vuole parlare sempre più croato: dopo lo svincolato Strinic e il giovane Halilovic, i rossoneri non mollano la presa per Milan Badelj. L’ex Fiorentina, reduce dall’ottima esperienza nel Mondiale di Russia con la sua Nazionale, anche se da gregario, continua ad essere il principale obiettivo di calciomercato per il centrocampo di Gattuso. Lo Zenit San Pietroburgo resta favorito per aggiudicarselo, il Lione ha fatto un sondaggio, ma il Milan potrebbe spuntarla su entrambe.

Badelj al Milan: la chiave è Alessandro Lucci

La compagine russa ha fatto un’importante offerta a Badelj già da diverso tempo: triennale piuttosto ricco e posto da titolare assicurato. Tuttavia la trattativa non si è ancora concretizzata perché il giocatore avrebbe una leggera preferenza proprio per la Serie A e per il Milan, agevolata dai buoni rapporti dell’attuale dirigenza con l’agente del croato, Alessandro Lucci, i quali hanno avuto un incontro sabato scorso nonostante gli attuali problemi societari. Inoltre i rossoneri seguono il giocatore sin dagli ultimi mesi dell’era Berlusconi. Cosa non da poco nel decidere la nuova destinazione. Certo, la trattativa resta molto complicata e l’offerta dei russi e il sondaggio effettuato dai francesi del Lione nelle ultime ore non vanno affatto sottovalutati. Ma alla fine il fascino di uno dei club più blasonati al mondo potrebbe avere la meglio su tutto.

💊 Pillola di Fanta ⚽

Il bottino personale di Badelj a Firenze non è proprio tra i migliori visti i soli 6 gol e 10 assist in quattro stagioni. Tuttavia il centrocampista ha dimostrato di essere un grande uomo d’ordine in mezzo al campo e farebbe molto comodo a un club che la scorsa stagione ha avuto in Biglia un autentico flop e in Locatelli un giocatore da far maturare ancora un po’. ESSENZIALE