Inter, Lautaro Martinez si presenta: “Mi manda Milito, sono qui per dare il massimo”

Inter, Lautaro Martinez si presenta: “Mi manda Milito, sono qui per dare il massimo”

Il giovane attaccante argentino è pronto a vivere la sua prima esperienza europea, in un club che ha prediletto sin dal primo momento

Lautaro Martinez si presenta ai tifosi dell’Inter. Uno dei primi colpi del calciomercato estivo nerazzurro, giovane e voglioso di mostrare tutto il suo valore, come dimostrato già nei primi allenamenti con la squadra. Un club che ha desiderato sin dal primo momento, spinto anche da un ex del suo vecchio e del suo nuovo club come Diego Milito. E in più si è accollato la responsabilità di una maglia pesante come la numero 10. Ecco le prime dichiarazioni ufficiali di Lautaro Martinez da giocatore nerazzurro.

Sulle prime impressioni e sulla scelta del numero di maglia: “Ci sono stati contatti con altri club ma sono avvenuti prima dell’ingaggio con l’Inter. Da quando l’Inter mi ha cercato ho iniziato ad amare l’idea di trasferirmi. Non ho avuto dubbi e ho goduto nell’avere la consulenza di uno come Milito. Lui ha raggiunto livelli altissimi vincendo tanto, e mi ha spiegato cosa sia l’Inter. Adesso tocca a me fare bene. È stato tutto bellissimo fin dall’inizio. C’è un gruppo importante qui, sono molto concentrato e pronto a fare bene. Voglio dimostrare di essere all’altezza. So di poter dare il meglio in questa squadra. Da piccolo mi ispiravo a Radamel Falcao. Il 10 è un numero che avevo già usato al Racing. Era disponibile e per questo ho potuto sceglierlo, non sento alcun peso. Sono felice di poterlo indossare. Come nome ho deciso di far mettere Lautaro, visto che Martinez è più diffuso”.

Sui Mondiali di Russia 2018 e sul rapporto con Icardi: Mi sentivo pronto per andare al Mondiale ma va bene così. La decisione sulle convocazioni spettava all’allenatore e i posti erano limitati, quindi è giusto che abbia chiamato calciatori più importanti ed esperti. So solo che sono qui per migliorare. Con Icardi siamo sempre stati in contatto. È stato molto carino con me e lo ringrazio per questo”. 

Sul prossimo derby di Milano e sul significato del suo soprannome: “C’è poco da dire. Si respirerà certamente un clima bellissimo in un match così sentito e importante. So che proverò emozioni vere come in Argentina. La gente mi chiama El Toro da quando sono arrivato a Buenos Aires. Per questo mi piace e me lo porto dietro”.

💊 Pillola di Fanta ⚽

Un bottino di 26 gol e 6 assist a 21 anni ancora non compiuti sono un bottino di tutto rispetto per Lautaro Marinez. L’attaccante vorrà sicuramente continuare la grande tradizione di argentini in maglia nerazzurra, e in particolare degli attaccanti, con i vari Cruz, Milito e più recentemente Icardi pronti ad accogliere un nuovo elemento che possa scrivere la storia del club. ARGENTINERAZZURRO