Milan, Elliott ha in pugno il club: Li ci riprova al fotofinish con Rybolovlev

Milan, Elliott ha in pugno il club: Li ci riprova al fotofinish con Rybolovlev

Il fondo americano sta per acquistare la società rossonera: la proprietà cinese prova l’ultimo tentativo con il magnate russo, ma sembra ormai chiusa

Si fa sempre più confusa la situazione societaria del Milan. Ad ogni ora che passa, sorgono nuove notizie. E spesso non sono buone. Tante le indiscrezioni, poche le certezze. I tifosi sanno sempre meno circa il futuro del club: qualsiasi nuovo volto all’orizzonte, infatti, è sconosciuto e misterioso.

Il fondo Elliott sta per acquistare il club

Venerdì scorso è scaduto il termine che il fondo Elliott Management Corporation aveva fissato l’anno scorso al Milan: Li avrebbe infatti dovuto versare 32 milioni di euro entro il 6 luglio 2018. Ciò non è avvenuto, ed ecco che il fondo americano starebbe per rilevare la società rossonera. Sembra infatti che tra mercoledì e giovedì, salvo imprevisti, la proprietà del Milan non sarà più cinese, bensì – come detto – americana. La procedura di escussione da parte di Elliott è partita questa mattina. Se ciò dovesse effettivamente avvenire, il fondo statunitense non avrebbe di certo problemi a trovare un ulteriore acquirente: con base d’asta di 500 milioni, al momento in pole position c’è la famiglia Ricketts. La posizione sempre più dominante di Elliott nei confronti della proprietà cinese si è affermata ieri sera, quando Mr Li non era riuscito a trovare un accordo con il patron del MonacoDmitrij Rybolovlev – il magnate russo che avrebbe dovuto ripagare il debito con Elliott. Senza intesa, si è aperta dunque una vera e propria autostrada per gli americani.

L’ultimo disperato tentativo di Li

Dopo aver capito che non vi erano più alternative, l’attuale – per ora – presidente rossonero ha deciso di accettare le richieste di Rybolovlev e di andargli in contro. Nella tarda mattinata odierna, dopo accese discussioni e trattative, sembra sia stato trovato un principio di accordo tra le due parti. Il magnate russo sarebbe quindi disposto a mettere sul piatto i 32 milioni di euro per risanare le casse di Elliott. La proposta del proprietario del club francese è arrivata, ma sembra che ormai sia troppo tardi. Secondo alcune indiscrezioni, infatti, il fondo americano vorrebbe continuare autonomamente per la sua strada. Anche se non ci è ancora dato sapere cosa ne farà dopo, Elliott è intenzionato ad acquistare definitivamente il club. Quest’ultimo considera il risarcimento dei 32 milioni ormai superato: Elliott avrebbe infatti chiesto a Li il pagamento – in un paio di giorni – di circa 300 milioni di euro, ovvero l’intera cifra del prestito iniziale. Quasi impossibile dunque per Li mantenere le redini del Milan. L’unica intesa che ha trovato è minima, e non sembrano esserci ulteriori margini di trattativa. Comunque vada a finire, difficile ipotizzare che la proprietà rossonera parli ancora cinese nel prossimo futuro.