Mondiali di Russia 2018, da Griezmann a Mbappé: i 23 campioni del mondo della Francia

Mondiali di Russia 2018, da Griezmann a Mbappé: i 23 campioni del mondo della Francia

Secondo titolo mondiale conquistato dai transalpini. Vediamo chi sono e dove giocano i 23 campioni del mondo

A Russia 2018, quella tra Francia e Croazia è stata una finale inedita, ma l’ha spuntata chi aveva i favori del pronostico: il 4-2 finale rispecchia il divario tecnico tra le due formazioni. Mbappé e Griezmann sono state le punte dell’iceberg, ma si vince in 23: abbiamo visto l’esperienza di Lloris (al netto dell’errore sul 4-1 in finale), la solidità di Varane, la duttilità di Matuidi, il megalavoro di Kanté, le geometrie di Pogba e così via. Vediamo dunque chi sono e dove giocano uno ad uno i 23 campioni del mondo: non mancherannno piacevoli sorprese.

#1 Hugo Lloris – Tottenham

Nato il 26 dicembre 1986, il portierone del Tottenham – che ha iniziato la carriera al Nizza per poi continuare al Lione – è anche in corsa per il Guanto d’Oro di questi Mondiali. Le sue parate sono state fondamentali per la vittoria del torneo. Impossibile dimenticare quella sull’uruguayano Caceres e quella contro il belga – nonché compagno di squadra – Alderweireld. L’esperienza al servizio della sua Nazionale, avendo militato non a caso ne è il capitano.
Presenze: 6
Gol subiti: 6
Assist: –

#2 Benjamin Pavard – Stoccarda

L’apporto al mondiale del giovane 22enne (28 marzo 1996) è stato definito come una “silenziosa ascesa”. Già perché prima di Francia-Australia, prima partita dei transalpini al mondiale, quasi nessuno conosceva l’ex Lille, autore peraltro di un gol straordinario contro l’Argentina agli ottavi. Ora per lo Stoccarda potrebbe essere molto difficile trattenerlo: lo vuole il Bayern Monaco, ma anche Borussia Dortmund, Manchester City e Tottenham. Al giorno d’oggi pagare 30 milioni, di euro, il prezzo della sua clausola, non sembra un ostacolo insormontabile.
Presenze: 6
Gol: 1
Assist: –

#3 Presnel Kimpembe – Paris Saint-Germain

Una sola presenza in questo mondiale, nell’ultima partita del girone contro la Danimarca. Non partiva titolare, avendo davanti due compagni di squadra come Varane e Umtiti. Il 23enne (19 agosto 1995) difensore del PSG sta pian piano scalando le gerarchie nel proprio club e chissà che nei prossimi tornei non possa tornare ancora più utile, a fronte di una crescita completa delle sue caratteristiche.
Presenze: 1
Gol: – 
Assist: –

#4 Raphael Varane – Real Madrid

Quando il Real Madrid lo acquistò per 10 milioni di euro dal Lens, Varane aveva solo 18 anni, ma il club spagnolo fu lungimirante. Negli anni è cresciuto tantissimo e oltre a prendersi gradualmente il posto al fianco di Sergio Ramos nel suo club, si è preso anche la difesa della Nazionale francese. Anche una rete in questa edizione del mondiale, quella che ha sbloccato il risultato contro l’Uruguay.
Presenze: 7
Gol: 1 
Assist: –

#5 Samuel Umtiti – Barcellona

Arrivato un po’ a sorpresa dal Lione – squadra in cui è cresciuto – un paio d’estati fa, il possente 25enne (14 novemre 1993) difensore del Barcellona, ha disputato un mondiale al di sopra delle attese. Ha segnato anche un gol nella semifinale contro il Belgio – gara che non avrebbe dovuto neanche giocare per problemi alla spalla – risultato poi decisivo per l’approdo in finale. Curiosità: Umtiti gioca con la Nazionale maggiore da due anni e ha segnato già tre reti.
Presenze: 6
Gol: 1
Assist: –

#6 Paul Pogba – Manchester United

Grande apporto dell’ex Juventus in questo mondiale. Nessuna rete segnata dal classe ’93 (15 marzo 1993), ma Deschamps non poteva rinunciare ad un giocatore imprescindibile, capace di essere il giusto raccordo tra difesa ed attacco. Per lui si parla già di addio dallo United, con destinazione Barcellona o addirittura di un clamoroso ritorno alla Juventus, ma la sensazione è che queste siano tutte voci.
Presenze: 6

Gol: 1
Assist: –

#7 Antoine Griezmann – Atletico Madrid

Prima del mondiale la grande notizia per i tifosi Colchoneros arrivata proprio da Griezmann stesso: il loro miglior giocatore rimarrà un altro anno all’Atletico Madrid, con buona pace del Barcellona che sembrava ad un passo dal suo acquisto. Francese di nascita, ma calcisticamente spagnolo, Griezmann (21 marzo 1991) ha giocato sempre e solamente in terra iberica: fu la Real Sociedad la prima squadra a credere veramente in lui, quando nel 2005, mentre era in prova al Montpellier, gli offrì il primo vero contratto: aveva 14 anni.
Presenze: 7
Gol: 4
Assist: 2

#8 Thomas Lemar – Monaco

Ennesimo grande prospetto del calcio francese, Lemar ha fatto vedere grandi cose al Monaco quest’anno, tanto che proprio l’Atletico Madrid ha deciso di investire su di lui e dall’anno prossimo giocherà nella capitale spagnola, insieme a Griezmann e Hernandez. Nato il 12 novembre 1995 ha giocato un paio d’anni al Caen, prima di essere acquistato dai monegaschi coi quali nella stagione 2016/17 mise a segno ben 14 reti totali.
Presenze: 1
Gol: –
Assist: –

#9 Olivier Giroud – Chelsea

Il centravanti del Chelsea ha svolto un ruolo abbastanza di copertura e poco d’attacco, come dimostrano le zero reti segnate in questo mondiale. Ha girovagato per la Francia – Grenoble, Istres, Tours e soprattutto Montpellier col quale ha vinto una Ligue 1 – prima di approdare all’Arsenal e negli ultimi sei mesi al Chelsea come riserva di Morata. Probabilmente al suo ultimo mondiale (30 settembre 1986), Giroud non ha saputo incidere come doveva.
Presenze: 7
Gol: –
Assist: 1

#10 Kylian Mbappé – Paris Saint-Germain

La Francia ha una nuova stella mondiale. Ha eclissato Lionel Messi negli ottavi di finale, quando si rese protagonista di una cavalcata memorabile che portò alla concessione del rigore dell’1-0 per poi segnare una doppietta. Record su record infranti da quando ha iniziato a giocare a pallone, tant’è che il PSG ha deciso di acquistarlo dal Monaco per la modica cifra di 180 milioni di euro, rendendolo il secondo giocatore più costoso della storia, dopo Neymar. Ah, dimenticavamo un piccolo dettaglio: ha 19 anni (20 dicembre 1998).
Presenze: 7
Gol: 4
Assist: –

#11 Ousmane Dembélé – Barcellona

Con giocatori come Griezmann e Mbappé è difficile farsi largo, ma le doti ci sono. Stagione sfortunata al Barcellona, dove è stato fermo per 4 mesi per infortunio. Ad appena 21 anni (15 maggio 1997) è già alla sua terza squadra di club, dopo essersi fatto notare col Rennes ed aver fatto intravedere buone cose al Borussia Dormund, da dove probabilmente è andato via troppo in fretta; ma si sa, il richiamo del Barcellona è troppo difficile da rispedire al mittente.
Presenze: 4
Gol: –
Assist: –

#12 Corentin Tolisso – Bayern Monaco

La scorsa estate, tra le tante squadre in lotta per accaparrarselo, l’ha spuntata il Bayern Monaco; i bavaresi lo hanno portato in Germania per 41,5 milioni di euro, rendendolo l’acquisto più oneroso del club. Tolisso, nato il 3 agosto 1994, ha fatto vedere grandi cose negli anni al Lione, soprattutto nell’annata 2016/17 quando segnò ben 14 reti. Nella Francia del futuro ci sarà ancora più spazio per il numero 12 dei galletti.
Presenze: 5
Gol: –
Assist: 1

#13 N’Golo Kanté – Chelsea

Kanté è immenso. Non mi stupirei se un giorno crosserà la palla e andrà a colpire di testa per fare gol“. Queste sono le parole di Claudio Ranieri di qualche anno fa, che lo ebbe al Leicester dei miracoli. Ora è al Chelsea, ma è imprescindibile per ogni squadra in cui gioca, Nazionale compresa. Nato il 29 marzo 1991, iniziò la carriera nel Boulogne prima di far vedere le sue qualità al Caen.
Presenze: 7
Gol: –
Assist: –

#14 Blaise Matuidi – Juventus

Instancabile motorino di centrocampo, il centrocampista della Juventus è, insieme a Kanté, uno di quei giocatori che tutti gli allenatori vorrebbero nella propria squadra. Nasce a Tolosa il 9 aprile 1987 e fa il suo esordio nel Troyes, che poi lascia per il Saint-Etienne; nel 2011 la grande occasione si chiama Paris Saint-Germain dove vi rimane per 7 lunghi anni. Da qui l’estate scorsa passa alla Juventus, dove si è rivelato sin da subito pedina fondamentale dello scacchiere di Allegri.
Presenze: 5
Gol: –
Assist: –

#15 Steven N’Zonzi – Siviglia

Nasce il 15 dicembre 1988 e muove i primi passi nell’Amiens, dopo aver giocato qualche anno nelle giovanili del PSG. Dopo poco tempo si trasferisce in Premier League, prima al Blackburn e poi allo Stoke City, dove fa così bene nella stagione 2014/15, che il Siviglia decide di accaparrarselo per 10 milioni di euro e inserendo una clausola di rescissione pari a 30 milioni.
Presenze: 5
Gol: –
Assist: –

#16 Steve Mandanda – Marsiglia

Coi suoi 33 anni è il giocatore più anziano dell’attuale rappresentativa francese (28 marzo 1985). Dopo aver mosso i primi passi nel Le Havre, nel 2007 si accasa al Marsiglia dopo aver sostenuto anche un provino con l’Aston Villa. Una vita dedicata a Les Olympiens, dove ha giocato per 9 lunghi anni, prima di provare l’esperienza col Crystal Palace. In Inghilterra la stagione è da incubo e a fine stagione si rifiuta persino di partire in ritiro prestagionale. Tornato la scorsa estate a difendere i pali del Marsiglia, riacquista anche il posto da titolare.
Presenze: 1
Gol: –
Assist: –

#17 Adil Rami – Marsiglia

Compagno di squadra di Mandanda e secondo giocatore più “anziano” (27 dicembre 1985), Adil Rami ha avuto una carriera sparsa per l’Europa: ha mosso i primi passi col Frejus in quarta divisione francese, dove fu notato dal Lille col quale vinse anche un inaspettato campionato nel 2010/11, con Rudi Garcia allenatore. Vinta la Ligue 1 decise di provare le esperienze spagnole al Valencia prima e al Siviglia poi, intramezzate da quella italiana col Milan. L’estate scorsa, dopo 6 anni, è tornato in Francia, al Marsiglia appunto, ritrovando proprio Garcia.
Presenze: –
Gol: –
Assist: –

#18 Nabil Fekir – Lione

Talento puro, l’ennesimo, della primavera del Lione; l’estate scorsa, complice l’addio di Gonalons, ne è diventato anche capitano a soli 24 anni (18 luglio 1993). Dopo una lunga trafila nelle giovanili dell’OL, Fekir ha esordito nel 2013 e da lì non si è più fermato e dove quest’anno ha realizzato la bellezza di 23 reti stagionali. È pronto a spiccare il salto di qualità e le grandi d’Europa hanno messo gli occhi su di lui, col Liverpool in prima fila. Anche il futuro della Nazionale è suo.
Presenze: 6
Gol: –
Assist: –

#19 Djibril Sidibé – Monaco

Sembrava dovesse essere lui il titolare della fascia destra, ma Deschamps ha sorpreso tutti preferendogli Pavard. Nato a Troyes il 29 luglio 1992, il terzino di origini maliane ha iniziato la sua carriera proprio nella squadra della sua città, all’epoca in Ligue 2, per poi trasferirsi al Lille per 3 milioni di euro. Nel 2016 passa al Monaco, dove quest’anno ha sfornato assist a raffica – ben 9 in tutta la stagione.
Presenze: 1
Gol: –
Assist: –

#20 Florian Thauvin – Marsiglia

Nato ad Orleans il 26 gennaio 1993, quest’anno Thauvin ha disputato la sua miglior stagione, realizzando la bellezza di 26 reti. Dopo aver mosso i primi passi nel Grenoble, si fa notare al Bastia, squadra da cui il Marsiglia decide di acquistarlo – dopo aver lottato a lungo contro il Lille – puntando forte su di lui. Dopo due buone stagioni, è il Newcastle ad aggiudicarselo per 18 milioni di euro, ma la stagione si rivela un flop. Nel gennaio 2016 torna al Marsiglia, iniziando la sua ascesa.
Presenze: –
Gol: –
Assist: –

#21 Lucas Hernandez – Atletico Madrid

Fratello maggiore di Theo Hernandez, che gioca nei rivali del Real Madrid, Lucas nasce a Marsiglia il 14 febbraio 1996. A soli 11 anni entra a far parte delle giovanili dell’Atletico Madrid e fa il suo esordio nel nel 2014 in una gara di Coppa del Re contro l’Hospitalet. In campionato gioca la sua prima partita nella stessa stagione contro l’Athletic Bilbao, sostituendo Guilherme Siqueira. Da questa stagione, è diventato titolare inamovibile – 44 presenze totali – dello scacchiere di Simeone, relegando in panchina un mostro sacro come Filipe Luis.
Presenze: 7
Gol: –
Assist: 1

#22 Benjamin Mendy – Manchester City

Impressionante la sua rapida ascesa nel mondo del calcio. Nasce il 17 luglio 1994 ed esordisce a soli 16 anni nel Le Havre; nel 2013 il Marsiglia decide di aggiudicarselo per 4 milioni di euro e dopo 3 stagioni passa al Monaco per 15 milioni. Dopo appena una stagione, il 24 luglio 2017 il ricchissimo Manchester City bussa alla porta dei monegaschi tirando fuori 57,5 milioni di euro, cifra esorbitante per un terzino sinistro. Il 23 settembre scorso, però, si rompe il crociato ed è costretto a restare fuori dai campi da gioco per 7 lunghi mesi.
Presenze: 1
Gol: –
Assist: –

#23 Alphonse Areola – Paris Saint-Germain

Nasce il 27 febbraio 1993 ed è l’unico nativo di Parigi, insieme a Kanté; non a caso ha iniziato la sua carriera proprio col PSG. Dal 2009 con la squadra della capitale, Areola disputa un paio di partite, prima di iniziare un girovagare di prestiti tra Lens, Bastia e Villareal; in Spagna avviene il suo exploit, tanto che il PSG decide di puntare su di lui. Dopo una stagione da comprimario con Trapp, nel 2017 conquista definitivamente il posto da titolare. Piccola curiosità: come tanti portieri, inizialmente era un giocatore di movimento, ma per assenza di numeri uno nel Petit Angers, fu mandato in porta e da lì non si mosse più.
Presenze: –
Gol: –
Assist: –

Francia campione del mondo, cronaca di un successo annunciato: il cammino dei galletti