Milan, Reina: “Mai pensato alla possibilità di andare a Londra”. Strinic: “Non sono ancora al top”

Milan, Reina: “Mai pensato alla possibilità di andare a Londra”. Strinic: “Non sono ancora al top”

Pepe Reina e Ivan Strinic si sono presentati in conferenza stampa ai loro nuovi tifosi del Milan

Anche se sono stati i primi acquisti del Milan, Pepe Reina e Ivan Strinic sono stati presentati solo oggi ai nuovi tifosi rossoneri. Intervenuti in conferenza stampa insieme a Leonardo e Maldini, i due neo rossoneri hanno parlato per la prima volta ai nuovi tifosi.

Si parte con Reina, che si è detto onorato dell’opportunità: “Il Milan è e sarà sempre una società speciale, quando sei bambino hai la voglia e il sogno di arrivare in una società così: sono onorato e felice di essere qui, di far parte della squadra e far crescere la società, facendo parte di una sfida meravigliosa per ritrovare la Champions. Ho quasi 36 anni e mi sudano le mani oggi, non è facile essere al fianco di Leo e Maldini, ho avuto anche la “fortuna” di perdere una finale di Champions contro questo signore, la storia di questa società parla da sola“.

Nonostante l’interesse del Chelsea, l’intenzione di Reina è sempre stata quella di rimanere in rossonero: “Non mi sono mai permesso di pensare alla possibilità di andare a Londra, voglio riportare il Milan dove merita: Sarri non mi ha chiamato ma l’ho chiamato io, tengo tanto al mister e ho un grande rapporto con lui anche extra calcistico, ci ha messo sempre la faccia ed un in bocca al lupo a lui è il minimo che gli potessi fare“.

Oltre a lui, a Milano è arrivato anche Gonzalo Higuain: “L’ho trovato bene, in forma, voglioso di fare. Durante la trattativa non ci siamo sentiti, ma quando è stato tutto fatto poi mi ha chiesto dove abitassi, ma non ho dovuto convincerlo“.

Due parole anche sul rapporto con il tecnico, Gennaro Gattuso: “Con lui ho avuto un impatto ottimo, un allenatore diretto che esige tantissimo e ti spreme al massimo. È molto chiaro e a me le persone così piacciono. Preferisco avere una rissa nello spogliatoio in un giorno che nascondersi per 2-3 mesi e non dirsi le cose in faccia. Dò sempre il massimo aspettando e sperando di giocare ogni domenica, voglio mettere in difficoltà il mister, ma la scelta la farà poi lui“.

Si passa a Strinic, che parte parlando del mondiale da poco concluso: “Con la Nazionale abbiamo fatto un gran torneo, soprattutto per noi croati, che siamo una piccola nazione: è stato un mese fantastico, siamo tutti contenti e orgogliosi, perché è una cosa storica per noi e per i nostri tifosi. Questo Mondiale mi aiuterà per la stagione che vivrò al Milan. Adesso ho qualche problema al tendine e non sono ancora al 100%. Ma tra una settimana torno a disposizione e darò tutto per questa stagione. Sarà bello giocare il derby contro i miei amici croati, soprattutto se dovessimo vincerlo noi, ma non sarà facile. Modric all’Inter? Non so, non ho parlato con lui e non si può dire niente“.

Sul posto che avrà in squadra e su alcuni dei compagni invece: “Combatterò per un posto da titolare. Abbiamo parlato tante volte con Kalinic, della sua situazione, ma mi ha sempre e solo detto sempre cose positive: il Milan è un grande club e una grande società, con grande storia e futuro. Higuain e Reina? Ho giocato con loro con Sarri, un allenatore fortissimo. Vediamo se riusciremo a ripeterci a Milano“.

💊 Pillola di Fanta

Dopo quattro anni di Napoli, divisi solo dall’esperienza tedesca con il Bayern Monaco, Reina è pronto ad intraprendere questa nuova avventura con il Milan. Lo spagnolo arriva da una buona stagione con i partenopei, dove era il titolare fisso e dove ha totalizzato 18 reti inviolate in Serie A. Quest’anno dovrà invece lottare per un posto da titolare e, contro Donnarumma, non sarà facile. ESPERIENZA