Champions League, tutto su Inter-Tottenham: orario, probabili formazioni e dove vederla

Champions League, tutto su Inter-Tottenham: orario, probabili formazioni e dove vederla

Tutto quello che c’è da sapere su Inter-Tottenham, valida per la prima partita di Champions League: come arrivano le squadre, i precedenti e le statistiche

Dopo un mese esatto dall’inizio del campionato di Serie A, torna anche il torneo europeo più prestigioso: la Champions League. Quest’anno le squadre italiane impegnate saranno 4, cosa che non accadeva dal 2010: in quella stagione a vincere il trofeo fu l’Inter. Proprio la squadra nerazzurra sarà la prima italiana a scendere in campo ospitando il pericoloso Tottenham di Pochettino.

Come arriva l’Inter

Momento delicatissimo per la banda di Luciano Spalletti. Una partenza così in campionato non si vedeva dall’era di Gasperini – che totalizzò 4 punti in 4 partite – addirittura peggiore di quella di Frank de Boer, che ne racimolò 7. Imprecisa, discontinua, tesa contro il Parma, l’Inter non arriva benissimo all’appuntamento con la Champions: l’ultima volta fu nella stagione 2011/12, quando agli ottavi venne eliminata dal Marsiglia. Contro il Tottenham servirà una sterzata… molto brusca.

Come arriva il Tottenham

Momento non proprio felice anche per gli inglesi, che sabato hanno perso per 1-2 in casa contro il Liverpool di Klopp. Una rondine non fa primavera, se non fosse che anche prima della sosta il Tottenham è uscito sconfitto dal campo del Watford, sempre per 2-1. Nelle precedenti gare, invece, 3 vittorie in 3 partite. Attualmente sono, quindi, a quota 9 punti ed in piena zona Europa League.

Orario della gara e dove vederla in tv

Inter-Tottenham si giocherà martedì 18 settembre allo stadio San Siro di Milano. Sarà trasmessa in diretta esclusiva da Sky, sui canali Sky Sport 1 e Sky Sport (canale 252). Per gli abbonati sarà possibile vederla anche sulla piattaforma streaming di Sky Go.

Probabili formazioni

Grossi problemi in difesa per Spalletti: contro il Parma si è fatto male D’Ambrosio, ma è regolarmente convocato da Spalletti. Se l’ex Torino non dovesse riuscire a stringere i denti, il mister dovrà reinventarsi in difesa, già priva di Vrsaljko: nel post-partita di Inter-Parma, ha detto che si potrà vedere Skriniar nel ruolo insolito di terzino destro in un 4-2-3-1; altrimenti c’è la possibilità della difesa a 3, con Candreva al posto di Politano, anche per far riposare l’ex Sassuolo.

Anche il Tottenham non è messo benissimo. Pochettino non avrà a disposizione capitan Lloris – arrestato per guida in stato di ebbrezza e infortunio alla coscia destra – e il talentuoso Dele Alli, infortunatosi durante la sosta delle Nazionali. Al loro posto ci saranno Vorm e Winks, in un 4-3-3 con Eriksen e Lucas Moura – già 3 gol in campionato finora – larghi a supporto del bomber Kane. Out anche Sissoko, mentre Trippier e Alderweireld rimangono a Londra per scelta tecnica: Aurier e Sanchez i probabili sostituti.

Inter (3-4-2-1): Handanovic; Skriniar, Miranda, de Vrij; Candreva, Vecino, Brozovic, Asamoah; Nainggolan, Perisic; Icardi. All. Spalletti

Tottenham (4-3-3): Vorm; Aurier, Sanchez, Vertonghen, Rose; Dier, Dembele, Winks; Lucas Moura, Kane, Eriksen. All. Pochettino

Inter-Tottenham, i convocati di Spalletti: c’è D’Ambrosio

Precedenti e statistiche

Inter e Tottenham già si sono incontrate in una fase a gironi della Champions League: era la stagione 2010/11, quella del post Triplete. All’andata in casa finì 4-3, ma l’Inter se la vide molto brutta: in vantaggio di 4-0 grazie anche all’espulsione del portiere Gomes, i nerazzurri subirono la potenza di un certo Gareth Bale. Una tripletta – con gli ultimi due gol al 90′ e al 91′ – che aveva fatto sognare i tifosi inglesi e tremare quelli dell’Inter; una tripletta che fece conoscere Bale all’Europa. Al ritorno, invece, vinsero gli Spurs per 3-1: Van der Vaart, Crouch e Pavlyuchenko le reti inglesi che risposero a quella di Eto’o. Curiosità: in quel Tottenham giocava anche un certo Luka Modric.